Gemma Benelli (GoFundMe).
in foto: Gemma Benelli (GoFundMe).

Con i soldi raccolti sul web era riuscita a volare a Houston, in Texas, per potersi curare, ma, nonostante gli sforzi della famiglia e di quanti le hanno dato una mano economicamente, Gemma Benelli non ce l'ha fatta. E' morta ieri, martedì 30 aprile, stroncata da una forma aggressiva di carcinoma mammario contro cui lottava da tempo. A darne notizia è stato il fratello, Maso, che su Facebook ha scritto: "Gemma è appena venuta a mancare. condivido con tutti. Ringrazio chi ci ha sospinti e camminando insieme ci ha alleggerito il cammino. E' stato un onore aver avuto il tempo di condividere questo periodo ed esserne il fratello. Adesso silenzio per un attimo. Buon viaggio sorellina".

Era stato proprio Maso a chiedere aiuto per lei lanciando una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe. L'obiettivo era darle la possibilità di accedere ad un trattamento sperimentale disponibile all'MD Anderson di Houston in Texas, Stati Uniti, unica cura possibile per la sua patologia. Il calvario di Gemma era cominciato due anni fa, quando le è stato diagnosticato un cancro per la seconda volta nella sua vita, precisamente un carcinoma al seno triplo negativo "a cui è seguita la chemioterapia, la mastectomia completa e poi ancora vari cicli di chemio e radioterapia". Poi, a gennaio scorso, la notizia che il tumore si era diffuso anche ai polmoni, con lesioni ossee e mediastiniche.

Gemma era riuscita a volare a Houston per essere visitata dall'oncologo Naoto T. Ueno, poi è rientrata in Italia per continuare con la chemioterapia, ma qui ha dovuto lottare contro una polmonite che non le ha lasciato scampo. I funerali alle 15 domani alla chiesa Santa Maria e San Bartolomeo a Padule.