"Noi vorremmo che tornassi a casa Henry, lo vogliono mamma, papà, Willy, tutta la squadra di Rugbie, lo vuole tutta Mira, siamo disperati". È l'appello della sorella di Henry  Kazim19 anni, studente di scienze politiche a Padova e campione di Rugbie, scomparso lo scorso da Mira (Venezia), lo scorso 27 novembre. Il diciannovenne si è allontanato dopo un'accesa discussione in famiglia e poco dopo ha lasciato un messaggio ai suoi cari in cui chiede perdono per avergli "spezzato il cuore". "Tutti sbagliano, anche la mamma, ti prego torna a casa" ha detto alle telecamere di Chi l'ha visto? la madre del giovane atleta.

La scomparsa è stata resa nota sette giorni fa con un annuncio del Rugby Riviera 1975: "Aiutateci a trovare Henry. Per chi lo vedesse o avesse notizie ci contatti o contatti le forze dell'ordine. Ha 19 anni, è alto 1,90 metri, frequenta l'università a Padova, gioca a rugby nella nostra società. Dalla scorsa notte si è allontanato da casa, a Mira. Potrebbe indossare una felpa rosa, dei pantaloni color rosso mattone e un giubbotto della squadra color blu". Henry ha con sé il telefono (spento), ma ha lasciato a casa lo zaino e i documenti.