Maggio 2018 – Salvataggio Msf–SosMediterranee
in foto: Maggio 2018 – Salvataggio Msf–SosMediterranee

Alla fine, i 629 migranti a bordo della Aquarius saranno accolti in Spagna, dove potranno fare richiesta di asilo o di altro tipo di protezione internazionale. Ci piacerebbe dire che, in fondo, la sicurezza delle persone è l’unica cosa che conta e che dunque è importante che tutto si sia risolto per il meglio, ma non è così. Perché ciò che è avvenuto in questi giorni rischia di essere un precedente gravissimo, oltre che l’ennesimo tassello al muro di odio, insofferenza e paura che abbiamo eretto nei confronti di coloro che si mettono in viaggio e attraversano il Mediterraneo alla ricerca di una vita migliore. Un muro eretto, peraltro, grazie a balle, falsità, ricostruzioni forzate, correlazioni inesistenti e proposte farsesche, che sono penetrate nel dibattito pubblico finendo per condizionarlo inesorabilmente.

Cominciare dall’inizio non è semplice, perché il caso Aquarius si inserisce in una dinamica complessa, con la ripresa di consistenti partenze dalla Libia che ha impegnato (e sta impegnando ancora) la nostra Guardia Costiera dopo un periodo di relativa tranquillità. Gli accordi presi dal governo Gentiloni e dall'allora ministro degli Interni Minniti, infatti, avevano determinato un nuovo "attivismo" della Guardia Costiera libica, che si era occupata della propria "area SAR" (peraltro la questione dell'autoproclamazione dell'area SAR da parte dei libici è spinosa) e sostanzialmente aveva rallentato in modo consistente il flusso dei gommoni verso l'Italia. Le partenze, però, non si erano interrotte e i trafficanti avevano utilizzato la rotta tunisina, meno affollata, certo, ma non meno problematica per gli operatori della Guardia Costiera e della Marina militare italiana.

I viaggi in mare verso il nostro paese non si sono mai fermati, dunque, ma il calo è stato drastico: al 12 giugno i migranti sbarcati sono stati 14:330, con un calo del 76,8% rispetto al 2017 (61.799) e del 72,37% rispetto al 2016 (51.863). Dati che evidentemente sconfessano la logica dell’emergenza, bufala che è ancora più clamorosa se si considera il dato “globale”, relativo cioè agli ingressi nel continente europeo dal Mediterraneo. I dati ufficiali sono chiarissimi:

La lettura della situazione italiana come “emergenziale” non è solo sbagliata, ma è anche fuorviante se riferita alla pressione migratoria sulle altre nazioni. Non è vero che il problema sbarchi riguardi solo l’Italia, non è vero che siamo i soli a farci carico dell’assistenza ai profughi, non è vero che Spagna e Grecia non siano nella stessa situazione.

Cosa è successo con la nave Aquarius

La ricostruzione della vicenda l’ha fatta Matteo Salvini al Senato. E conviene attenersi a quella, per cominciare. Il ministro dell’Interno, riferendosi al 9 giugno, parla di “sei eventi distinti per i quali il centro di coordinamento delle capitanerie di porto con sede a Roma ha ricevuto le prime richieste di soccorso”; gli eventi si sarebbero verificati “all'interno dell'area di responsabilità dichiarata della Libia” e dunque il MRCC di Roma (il Maritime Rescue Coordination Centre, ovvero l'organo che gestisce e sovrintende a tutte le operazioni) prova a “interessare l'autorità libica”. Ufficialmente c’è un primo punto essenziale da considerare: i salvataggi sono stati effettuati nell’area SAR della Libia, non in quella di competenza maltese o italiana. Cade uno dei primi pilastri della ricostruzione “filo-governativa”, che parlava di salvataggi nell’area SAR di Malta, che dunque non potessero avere come altra destinazione che i porti dell’isoletta.

[Qui occorre fare una piccola parentesi: la polemica nei confronti del governo di La Valletta è giustificatissima in linea di principio, considerato che Malta spesso e volentieri nega l'accesso nei propri porti alle navi che trasportano migranti, che nella propria gigantesca area SAR non opera praticamente mai e che il proprio apporto in termini di salvaguardia delle vite in mare è praticamente nullo.]

Torniamo ai fatti. Dopo le richieste di soccorso, il MRCC di Roma contatta la Libia (che ha ratificato la Convenzione di Amburgo e come detto ha dichiarato la propria area SAR, sia pure ancora non riconosciuta), che fa sapere di non voler intervenire. Questo capitava sempre in passato e con meno frequenza negli ultimi mesi, dopo gli sforzi del Governo Gentiloni per aiutare la Guardia Costiera libica (con fondi e mezzi) e dopo gli accordi presi da Minniti. A quel punto, il MRCC parla con Malta, in quanto, lo dice sempre Salvini, “centro di coordinamento e di soccorso responsabile per l'area immediatamente limitrofa a quella degli eventi”. I maltesi se ne fregano, per mancanza di mezzi o, più semplicemente, perché la richiesta di soccorso non è arrivata a loro ma a Roma e l’area non è di loro competenza.

Come funziona "normalmente" e dunque cosa accade quando è Roma a effettuare tutte le operazioni lo spiegavano fonti ufficiali della Guardia Costiera Italiana nell'era pre-Minniti: "La scelta del porto di sbarco compete al MRCC, ma è fatta d’intesa col ministero dell’Interno, anche in relazione alle necessità del luogo e delle forze di polizia, della magistratura eccetera […] Se coordiniamo noi le operazioni in mare, l'MRCC stabilisce il punto di sbarco nel nostro Paese. Se invece è una ONG a prestare soccorso, decide il comandante dell'unità, che risponde però del proprio Stato di bandiera o all'MRCC da cui è coordinato […] Nei confronti della Libia vige il principio del non respingimento (no refoulement), perché la Libia non è posto sicuro e non ha recepito la Convenzione di Ginevra, dunque non si possono riportare le persone soccorse in Libia”.

Escludendo la possibilità di lasciar morire centinaia di persone in mare, il MRCC di Roma fa la sola cosa possibile: prende in mano la situazione. E agisce secondo una prassi consolidata, perfettamente rispondente alle regole di ingaggio della missione Themis. Vengono mobilitate 3 motovedette d’altura di stanza a Lampedusa e si chiede aiuto anche a un mercantile che si trovava nelle vicinanze. Le condizioni del mare sono buone, come si può verificare qui, tanto che le operazioni di soccorso vengono compiute con una certa rapidità. Tutto viene coordinato dal MRCC di Roma, che decide anche “i movimenti” delle imbarcazioni coinvolte e dispone che circa 400 persone debbano essere trasbordate dalle motovedette italiane alla Aquarius. Lo fa perché Aquarius è un rimorchiatore in grado di sostenere una pressione di questo tipo, una nave attrezzata e in grado di fornire assistenza sanitaria, grazie alla presenza di un presidio di Medici Senza Frontiere. È questo un punto che Salvini omette completamente nella sua ricostruzione al Senato, ma è invece essenziale: circa 400 dei 629 migranti totali sono caricati sulla nave della ONG per decisione del MRCC di Roma.

Perché questa omissione? Beh, pare chiarissimo: perché una cosa è dire che la ONG losca e cattiva ha caricato 629 persone nel suo servizio di taxi del mare e vuole portarle in Italia chissà per quale scopo; altra cosa è dire che la ONG è stata di enorme aiuto alle autorità italiane, con cui ha lavorato per mettere in sicurezza 629 persone.

Ma andiamo avanti, perché siamo solo all’inizio di questa incredibile storia. A questo punto, Aquarius comincia a navigare verso Nord, tra l’altro a favore di vento, e arriva nell’area di Search and Rescue maltese. In base alla Convenzione di Amburgo, il MRCC di Roma chiede a Malta di fornire una destinazione di porto sicuro, La Valletta risponde picche. Perché? Qui entra in gioco una prassi che non sembra essere cambiata quando da Triton si è passati a Themis, che ha regole d’ingaggio secondo cui, semplificando, Malta avrebbe dovuto aprire i porti. Il governo maltese spiega che il salvataggio è stato effettuato da autorità italiane, coordinato da autorità italiane e dunque la destinazione non possa essere che un porto italiano.

Poi entra in gioco Matteo Salvini. Come vi abbiamo raccontato, la sera del 10 giugno il ministro dell'Interno, di concerto col ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, invia una lettera urgente al governo maltese con la quale intima di concedere l'ingresso nei propri porti alla nave Aquarius della ONG SOS Mediterranee, spiegando che se Malta non accetterà di prestare accoglienza ai migranti, non saranno fornite soluzioni alternative, ovvero non sarà consentito l'ingresso nei porti italiani alla nave della ONG. La lettera di Salvini non ha nessun valore legale, Malta sostanzialmente fa spallucce e anzi rivendica di aver sempre rispettato le norme, il solo effetto che ottiene è quello di mettere il MRCC di Roma in una situazione di enorme difficoltà. Cosa fare adesso? Prendere tempo, certo, ma fino a quando?

Anche perché Salvini e Toninelli stanno giocando una partita tutta politica, ma al MRCC sanno benissimo che "chiudere i porti" non è una opzione e costituisce una violazione non solo della prassi, ma anche di trattati e convenzioni. Se in linea di principio uno Stato può chiudere i porti a navi stranieri per motivi di "sicurezza nazionale", non potrebbe più farlo per navi in "distress", ovvero in grave pericolo. Il diniego all’apertura dei porti per navi in difficoltà, in particolare, potrebbe costituire una violazione degli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti umani, di proteggere la vita (art. 2 CEDU) e l’integrità fisica e morale (art. 3 CEDU) delle persone a bordo della nave. Inoltre, come ricorda il Corsera, il rifiuto, aprioristico e indistinto, di far approdare la nave in porto comporta l’impossibilità di valutare le singole situazioni delle persone a bordo, e viola il divieto di espulsioni collettive previsto dall’art. 4 del Protocollo n. 4 alla CEDU (lo studio dei professori De Sena e De Vittor chiarisce perfettamente il quadro normativo). Al MRCC lo sanno e nessuno vuole prendersi responsabilità che poi porterebbero direttamente a procedimenti penali. Prendono tempo, ma fino a quando?

Il braccio di ferro con Malta e la decisione di Sanchez

In quelle ore, l'Italia e Malta si stanno esponendo a contestazioni circa la violazione di diversi articoli CEDU, essenzialmente dei diritti umani. Salvini, nelle sue dichiarazioni del momento, parla genericamente di "verifica sulla giurisprudenza" e non c'è alcuna certezza che l'Italia stia agendo nel rispetto di leggi e trattati internazionali. La sua, del resto, è una battaglia politica. Fatta sulla pelle di 629 persone, possiamo aggiungere. Salvini si trascina dietro anche Toninelli, che sarebbe il vero ministro competente su gestione porti e lavoro della Guardia Costiera, ma sostanzialmente si adegua senza fiatare alla linea imposta dal segretario leghista. Toninelli, oltre a qualche supercazzola ("Non è detto che il posto in cui debbano sbarcare sia un porto, può essere una nave"), darà poi una incredibile spiegazione rispetto alla "minaccia di chiudere i porti". Dice Toninelli in una intervista al Corriere della Sera:

 Abbiamo fermato Aquarius in acque maltesi in attesa della risposta di La Valletta alla nostra richiesta di accogliere la nave nei loro porti e per capire se il comandante della Ong avesse o meno fatto rotta verso Malta anche dopo la dichiarazione di disponibilità dell’ambasciatrice maltese

A cosa fa riferimento Toninelli? Davvero c'è stata una "dichiarazione di disponibilità" da parte dell'ambasciatrice maltese? Probabilmente il ministro per le Infrastrutture è uno dei tanti caduti in una topica clamorosa, circolata tantissimo sui social network in questi giorni. In una intervista a TgCom24, l'ambasciatrice Frazier dice che Malta ha autorizzato via mail e via telefono il capitano della nave a sbarcare nei propri porti, ma afferma che quest'ultimo abbia rifiutato la proposta adducendo come scusa le avverse condizioni meteo. Sarebbe clamoroso, in effetti. Il punto è che Frazier non si riferisce alla nave Aquarius, ma a un'altra nave la Seefuchs e a un'altra vicenda, su cui la procura di Reggio Calabria sta indagando. Sapete come facciamo a saperlo? Semplice: lo dice la stessa ambasciatrice, nella stessa intervista spacciata come "prova inconfutabile" del comportamento truffaldino delle ONG. Basta ascoltare:

Ora, che il ministro dei Trasporti non riesca a distinguere fra due vicende diverse, di due distinte imbarcazioni, è abbastanza preoccupante. Ma andiamo avanti, perché la vicenda è comunque molto interessante. Salvini al Senato fa il punto sulle concitate ore che seguono il diktat italiano.

Spiega il ministro dell’Interno:

Nelle prime ore della notte dell'11 giugno, il comandante della nave comunicava al centro di coordinamento di Roma il peggioramento della situazione sanitaria, nonché lo scarseggiare di risorse alimentari. Ancora sollecitati nella mattinata dell'11 giugno, con una comunicazione ufficiale al centro di coordinamento di Roma, Malta negava la propria competenza sull'evento in questione: se ne fregava. In attesa di determinazioni in merito all'individuazione di un porto sicuro di sbarco (POS), la nave Aquarius, che stazionava nella zona di ricerca e soccorso maltese, è stata costantemente affiancata da motovedette della Guardia costiera italiana, con personale medico imbarcato per fornire eventuale assistenza sanitaria. È stata altresì rifornita delle derrate alimentari e di quant'altro necessario per tutte le persone a bordo.

Dunque, l'Aquarius fa ancora due tentativi per sbarcare il prima possibile, a Malta. Lo fa il MRCC seguendo un'altra prassi, che ci spiegano direttamente fonti della Guardia Costiera: lo "stato di necessità" è una condizione che dovrebbe determinare l'immediato soccorso da parte delle autorità (maltesi in questo caso) ed è una discriminante di fronte alla quale cade ogni resistenza (non stiamo parlando della situazione di "distress"). I reiterati tentativi di sbarcare a Malta basterebbero a sgonfiare anche un'altra delle mongolfiere della propaganda cattivista: le ONG che hanno il "compito" di portare i migranti sempre e per forza in Italia, in ottemperanza a piani nascosti, complotti segreti e strategie pluto-mondialiste. Una narrazione fatta propria anche da Salvini, che al Senato cita i finanziamenti di Soros alle ONG, tra un tripudio di applausi. Nel frattempo si era manifestata anche la meteora Conte: il Presidente del Consiglio aveva provato ad attribuirsi l'invio di "medici e personale sanitario" e pochi minuti dopo qualcuno su SkyTg24, guardando il solito MarineTraffic, aveva anche avvistato "la nave di Conte" dirigersi a tutta velocità verso l'Aquarius. Come confermato da Salvini, anche in questo caso la realtà dei fatti è diversa: a bordo della nave della ONG c'è sempre stato il presidio di MSF e, in ogni caso, la nostra Guardia Costiera ha sempre seguito molto da vicino ciò che stava succedendo sulla Aquarius.

Ma arriviamo al momento centrale dell'intera vicenda: la disponibilità manifestata dal neo-premier spagnolo Sanchez di far sbarcare a Valencia i 629 migranti, destinati poi ai centri di accoglienza della Spagna.

L’apertura di Sanchez consente di individuare una via di uscita dalla crisi e viene interpretata da analisti, commentatori e sostenitori del governo come un “successo senza se e senza ma” di Matteo Salvini. Il quale rincara la dose, augurandosi che da quel momento in poi anche altri stati europei facciano altrettanto e aiutino l’Italia; il ministro aggiunge che la Spagna (nel 2018 interessata da arrivi paragonabili a quelli italiani) ospita solo 16mila migranti, nulla in confronto ai 170mila nelle strutture di accoglienza del nostro Paese. È un profluvio di “l’Italia è stata lasciata sola”, tesi peraltro giustificata (parzialmente, considerato il supporto economico diretto e la flessibilità in materia di bilancio concessa negli ultimi anni), che diventa però un grimaldello con il quale forzare ogni resistenza ulteriore. Una partita politica, giocata peraltro a colpi di propaganda e sulla pelle di centinaia di persone, viene venduta come una “vittoria”, ma le questioni sono ancora tutte sul tappeto. E sono complesse, non liquidabili con uno slogan, con la scemenza del “farsi rispettare in Europa”.

Dublino, la relocation e la congiura contro l’Italia

Prima di andare avanti col nostro racconto dei fatti, bisogna fare un breve inciso sui negoziati europei e sulla vera partita politica che il Governo dovrà giocare, si spera senza mettere sul piatto della propria bilancia la vita di centinaia di persone. Come noto, da tempo si discute della riforma del trattato di Dublino e tutte, ma proprio tutte, le forze politiche italiane sono d’accordo nell’individuare nelle norme in vigore il primo problema del nostro Paese. Il punto è che riformare il trattato non è semplice, perché, come ben spiegato su OpenMigration, in Europa ci sono due blocchi contrapposti: “Chi per il principio di solidarietà chiede la ripartizione di richiedenti asilo e rifugiati fra tutti i paesi secondo un sistema di quote; e i fautori della linea dura, che invece puntano sull’esternalizzazione delle frontiere e un coinvolgimento dei paesi soltanto finanziario”. L’ultimo recente tentativo di riforma è praticamente naufragato, nonostante un primo via libera dal Parlamento europeo. Contro si è espressa anche l’Italia, perché, ha spiegato Salvini, “vogliono appesantire i Paesi del Mediterraneo, come Italia, Cipro Malta, Spagna, ulteriormente dandoci migliaia di migranti per dieci anni”. Una posizione sostenuta anche dal M5s, secondo cui con la riforma “in Italia resterebbero comunque tutti i migranti economici” (in realtà, nella proposta iniziale del Parlamento, la distinzione tra aventi diritto alla protezione internazionale e migranti economici avveniva al termine della procedura, quando cioè il richiedente asilo è già stato trasferito in un altro stato, ma questo l’eurodeputata Ferrara lo omette scientemente; mentre la Presidenza bulgara ha proposto un documento di sintesi decisamente peggiorativo).

La proposta iniziale del Parlamento europeo, che certamente era perfettibile, avrebbe però permesso di superare agevolmente il principale “problema” italiano: ovvero la norma che impone che la richiesta di asilo debba essere fatta nel Paese di primo approdo. E avrebbe anche messo a regime il sistema delle quote:

“Per ogni paese Ue si calcola una quota di rifugiati da accogliere in base a Pil e popolazione. La lista comprende quindi i quattro paesi con il numero più basso di richiedenti rispetto alla propria quota. Se il richiedente non effettua una scelta, è assegnato allo stato con il più basso tasso di candidati. Lo stato così individuato esamina la domanda d’asilo. Infine, se il richiedente asilo dimostra di avere altri legami (culturali, familiari in senso ampio o linguistici) con uno stato, può chiedere di esservi trasferito. In sintesi: a esaminare la domanda di asilo non è più lo Stato di primo ingresso, ma quello cui il richiedente asilo è assegnato in forza di un legame rilevante o del meccanismo della lista. I costi di trasferimento del migrante sono a carico del bilancio Ue”.

Sia come sia, neanche questa soluzione va bene a Salvini, che ha detto di voler lavorare con Austria e paesi dell’Est (sì, quelli che finora hanno sempre detto di no a tutto) a una nuova proposta. Si spera che non accada come per Dublino, quando la Lega è stata assente a tutte le 22 sedute di lavoro sulla questione.

Nel frattempo, però, sarebbe in vigore il meccanismo della relocation. In sostanza, nel 2015, la Ue si rende conto delle storture prodotte da Dublino e prova a correre ai ripari, mettendo in campo un sistema di ricollocamento dei richiedenti asilo fra gli altri paesi europei. La ratio è semplice:

Il sistema prevede lo spostamento per persone in evidente necessità di protezione internazionale, appartenenti a nazionalità il cui tasso di riconoscimento di protezione sia pari o superiore al 75% sulla base dei dati Eurostat (tra gli altri, Siria, Eritrea, Repubblica Centrafricana, Bahrain). Queste persone, dopo aver richiesto asilo nello stato di arrivo, possono essere trasferite nel Paese di ricollocazione per l’esame della domanda di protezione internazionale.

Questo sistema non funziona, salvo per pochissime migliaia di migranti. Gli Stati europei se ne fregano, lasciano tutto in mano a Italia e Grecia e non rispettano il meccanismo delle quote. [Indovinate chi è che non ci pensa proprio? Esatto, quei Paesi con cui ora Salvini vuole risolvere la questione.] L’Italia si incazza e anche Minniti prova a sbattere i pugni sul tavolo, supportato da Tajani. La risposta è in un breve documento in cui, oltre a dare il via libera al governo Gentiloni sul codice di condotta delle ONG, si sottolinea la necessità che gli stati della Ue facciano il loro dovere, accettando le richieste di ricollocazione dell’Italia in maniera rapida. Ma al contempo si alza la voce proprio nei nostri confronti, invitandoci a “centralizzare le procedure della relocation e individuare dei veri e propri centri in cui ospitare i migranti destinati al ricollocamento verso i Paesi della Ue”, in modo da restringere le possibilità che i migranti cui è stata respinta la richiesta di asilo facciano perdere le loro tracce. Detto in altre parole: la relocation non funziona anche per colpa dell’Italia, che non è in grado di garantire tempistiche e logistica precisi e soprattutto no controlla ciò che accade a coloro cui viene respinta la richiesta di protezione.

È esattamente la linea francese, quella che “autorizza” Macron a respingere i migranti al confine e a effettuare i pattugliamenti sui treni e sui confini alpini. Criticabile, certo. Disumana, probabilmente. Cinica e iniqua, forse. Vergognosa quando coinvolge i minori, senza alcun dubbio. Ma la narrazione che dipinge il Presidente francese come un pazzo ipocrita è un altro aspetto della propaganda di queste ore.

Tra l'altro, come sottolinea AGI, non risponde al vero il fatto che Francia e Spagna abbiano chiuso i porti.

La crociata contro le ONG e il respiro corto della strategia di Salvini

Il direttore generale dell’Agenzia ONU per le migrazioni, l’OIM, centra il punto essenziale della questione: “Fermare una o più barche nel Mar Mediterraneo non è la risposta alle sfide poste all’Unione Europea dalla questione migrazione. È necessario affrontare il fenomeno migratorio con un approccio globale e complesso che riesca combinare la necessità di creare opportunità di movimento sicuro e regolare, la realizzazione di una più efficace gestione delle frontiere e il rafforzamento della lotta al traffico di esseri umani”. Nessuno può sostenere che Salvini e il Governo vogliano lasciar morire in mare i migranti, ma la sensazione è quella di essere di fronte semplicemente a una prova di forza nei confronti delle ONG. Ad esempio, mentre il MRCC di Roma prendeva tempo (molto probabilmente perché nessuno se la sentiva di assumersi la responsabilità di mandare in Spagna, con un viaggio lunghissimo e pericoloso, una nave con 629 persone a bordo che si trovava a 25 miglia dalle coste italiane), una nave della Marina militare conduceva in Italia oltre 900 migranti recuperati in zona SAR libica. Segno evidente di come i porti italiani, per fortuna, non sono chiusi e non lo saranno mai.

Cosa accadrà fra qualche ora, domani o dopodomani, quando un’altra nave ONG aiuterà le autorità italiane in un salvataggio? Davvero la strategia del governo italiano è quella di lasciare in mare aperto i migranti che avranno la sfortuna di salire a bordo della nave ONG e di accogliere quelli caricati sulle nostre motovedette? Davvero, fregandosene delle prevedibili contestazioni che arriveranno da un punto di vista della liceità “legale”, il governo lascerà in stand by ogni nave ONG sperando che Spagna o Francia diano disponibilità ad accogliere migranti?

Nessuno con un minimo di buonsenso può pensare che questa sia una strategia a lungo termine.

La verità è che la valvola di sfogo di tutto questo casino è sempre la stessa: la presenza delle ONG, i “taxi del mare”. Ve ne abbiamo parlato spesso (qui, qui e qui) sottolineando come una polemica poderosa, un movimento di opinione incredibilmente vasto e un messaggio rabbioso e accusatorio verso le ONG siano nati da un report letto male, da un video pieno di errori, da dichiarazioni senza alcuna attinenza con la realtà dei fatti. La criminalizzazione delle ONG è stata di fatto il capovolgimento della realtà, con chi salva vite che è diventato un potenziale criminale da guardare con sospetto, con le operazioni di salvataggio che sono state in qualche modo arginate, mentre si è scelto di affidarsi a chi negli anni aveva sempre dimostrato di fregarsene dei diritti umani, delle vite annegate nel Mediterraneo, del destino di migliaia di disperati.

Si è imposta una narrazione tossica, che si è basata su una serie di enormi falsità. La prima è quella che vede nella presenza delle ONG il fattore determinante per la decisione dei migranti di tentare la traversata. A smentirla basterebbero i numeri sui salvataggi delle ONG in rapporto al totale, ma vogliamo ricordare le parole di Enrico Credendino, non un pericoloso estremista mondialista, ma l'Ammiraglio di Divisione e Comandante della missione EUNAVFOR MED – Operazione SOPHIA, in pratica, la massima autorità sull'argomento, che in una audizione parlamentare smontava la balla del “pull factor” legato alla presenza di tante imbarcazioni in prossimità delle coste libiche:

I migranti non partono certamente perché ci sono le navi in mare, ma partono perché ci sono i push factor, i fattori che li spingono a partire (le guerre, il terrorismo, la mancanza di acqua e cibo). Anche senza SOPHIA i migranti partirebbero comunque, la prova è che quando c'è stata l'interruzione di Mare Nostrum, che era accusata di essere un fattore di attrazione, prima che si attivasse Mare Sicuro sono passati alcuni mesi, durante i quali il numero di migranti in mare è aumentato, non diminuito, mentre se Mare Nostrum se fosse stato un pull factor sarebbero diminuiti.

Possono cambiare le tattiche usate dagli scafisti, se ci sono navi che lavorano molto vicino alla costa, ma i migranti partirebbero comunque, fintanto che non si risolvono le cause che originano la migrazione, fintanto che non si va nei Paesi di origine, cosa che l'Unione europea ha iniziato a fare.

La seconda accusa fatta alle ONG è che in qualche modo sarebbero un vero e proprio gancio per l'attività dei trafficanti di uomini, uno dei punti di forza del disastroso teorema Zuccaro (a proposito, ancora zero prove, zero condanne, zero riscontri). Sul punto l'allora comandante della Guardia Costiera Vincenzo Melone, rispondendo alle interrogazioni della Commissione in Senato, spiegava come ci si dovrebbe comportare in presenza di un naufragio o di gommoni in difficoltà: "Di fronte a una situazione di pericolo, le navi, siano mercantili oppure delle ONG, sono tenute a intervenire subito, immediatamente. Non decide la politica, lo dicono le Convenzioni, che tutti noi siamo tenuti a rispettare. Non chiedeteci di guardare dall’altra parte, non possiamo farlo e non lo faremo. Noi salviamo vite. Noi rispondiamo alle Convenzioni, quindi operiamo a prescindere dalle indicazioni della politica o del Governo. Non possiamo salvare o non salvare a seconda dei casi…".

La terza è il canovaccio ONG – Soros – Mafia Capitale. Paolo Lambruschi, su Avvenire, spiega molto bene perché negli ultimi anni c’è stato un aumento della presenza delle ONG:

Le Ong vivono di donazioni private, al contribuente italiano non costano nulla. Anzi, lo fanno risparmiare perché agiscono in sostituzione delle navi delle Forze armate italiane. È stato il progressivo ritiro delle navi di pattuglia dei dispositivi europei a spingere nel 2014 diverse Ong – tra queste Medici senza frontiere, Save the children, Emergency, la Croce Rossa con Moas – a mettere in acqua navi per ragioni umanitarie. Chi le attacca sostiene anche che siano finanziate con ingenti somme dal finanziere George Soros in questo caso regolarmente etichettato da chi lo tira in ballo come «ebreo» per «sostituire la popolazione europea con i migranti». Un ‘complotto' lunare, e senza prove.

Dalla questione dei finanziamenti delle ONG al legame con “il business dell’accoglienza” il passo è incredibilmente breve. Salvini, Di Maio, Toninelli e tutte le forze di destra lo hanno ripetuto incessantemente in questi giorni: bisogna fermare il business dell’accoglienza, tagliare i guadagni delle Coop e impedire affari in stile Mafia Capitale. “Da oggi l'immigrazione non è più un business”, esulta Di Maio, aggiungendo: “Chi voleva solo fare profitti, dovrà cercarsi un'altra occupazione. La fine del business dell’immigrazione è nei nostri venti punti. E oggi abbiamo messo la prima pietra”.

Ora, come l’aver mandato 629 migranti in Spagna significhi aver fermato il business dell’accoglienza non è chiarissimo. Allo stato, per il momento, il sistema di accoglienza è ancora lo stesso di ieri, dell’altro ieri, di un mese fa, di un anno fa. I migranti continuano a sbarcare in Italia e ci sono oltre 170mila persone ospiti dei diversi centri di accoglienza. Il “sistema”, inoltre, è complesso e stratificato: ci sono le aziende private, i centri gestiti direttamente dai Comuni, l’accoglienza diffusa e le strutture speciali. Accomunare tutto sotto la dicitura “business dell’accoglienza” è una bugia, una balla colossale che serve solo ad alimentare insofferenza e odio nei confronti di chi non c’entra nulla. Ci sono le storture e la corruzione (e Fanpage.it ha lavorato per anni per mostrarle), ma usarle strumentalmente per alimentare la guerra agli ultimi è indegno di una classe politica che si sta assumendo l’onere di governare questi processi. Legare gli arrivi in mare agli abusi di pochi soggetti privati è una mistificazione della realtà.

Infine, sull'altra fake news di Salvini della "lobby degli avvocati d'ufficio" che si arricchiscono coi migranti, ha scritto tutto Altraeconomia.

PS: Ci sono anche altri aspetti poco chiari della vicenda, su cui però stiamo ancora lavorando. Salvini in Senato dice: "Sottolineo, come ho già detto, che è stata offerta al comandante della nave Aquarius per ben due volte, alle ore 12,11 e alle ore 14 dell'11 giugno, la disponibilità delle autorità italiane, su mia indicazione, a far sbarcare sul territorio nazionale le persone eventualmente bisognevoli di assistenza sanitaria, quali ad esempio le donne incinte e i bambini; disponibilità che non è stata accolta dal comandante dell'unità”. A una prima verifica, la cosa non risulta. Sarebbe un elemento gravissimo.

EDIT 15 giugno – Msf ha spiegato la propria posizione sul punto, rispondendo a Barbara D'Amico, giornalista che ne ha scritto su Wired: in sostanza "la nave non ha accordato lo sbarco, spiega la Ong, perché ha chiesto alle autorità italiane di non separare le famiglie. Richiesta negata".

PPS: Si sta dibattendo molto sul comportamento dell'Aquarius, che, dopo aver tergiversato a lungo, ora si fermerebbe spesso e non starebbe procedendo con sollecitudine verso Valencia. Come ha spiegato MSF, la direttiva del MRCC è arrivata solo nella tarda serata dell'11 giugno e si è dovuto valutare quale fosse il modo migliore per affrontare un viaggio lungo e pericoloso (a causa della prevista ondata di maltempo). Non tutti avrebbero potuto viaggiare in sicurezza sul rimorchiatore, dunque si è dovuto attendere la disponibilità delle due navi italiane, oltre che viveri e conforto da Malta. Poi è stato necessario tutelare la salute delle persone dalle avverse condizioni meteo, infine provvedere al loro sostentamento per 4 lunghissimi giorni di viaggio.

Insomma, spacciare come una vittoria l'aver costretto centinaia di persone a tali sofferenze, francamente è troppo.