209 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Dove si sposeranno Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez: il matrimonio nella villa in Toscana

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposeranno il 30 giugno 2024: la location scelta per il matrimonio è una villa da sogno sulle colline toscane.
A cura di Arianna Colzi
209 CONDIVISIONI
Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser
Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposeranno il 30 giugno 2024. A Chi coppia aveva fatto sapere di aver scelto la Toscana per il loro grande giorno, restando però vaghi sulla location chiarendo che si tratta di "un borgo a 20 minuti da Firenze". I festeggiamenti dovrebbero durare tre giorni, stando a quanto avevano dichiarato i due futuri sposi. Tra gli invitati è certa la presenza di Belén Rodriguez, sorella della sposa, che sarà la damigella d'onore, e Giulia De Lellis, che pochi giorni fa ha mostrato nelle sue storie Instagram aveva mostrato l'invito. Mentre cresce l'attesa anche per l'abito che indosserà l'influencer, arrivano conferme sulla villa dove si terrà il matrimonio.

La Villa Medicea La Ferdinanda
La Villa Medicea La Ferdinanda

Dove si terrà il matrimonio di Cecilia Rodriguez

Secondo quanto riportato dal quotidiano locale La Nazione, il matrimonio si terrà ad Artimino, frazione del comune di Carmignano, in provincia di Prato. La location è la Villa Medicea La Ferdinanda, o Villa dei Cento Camini, una meravigliosa struttura del tardo 1500 che fa parte dei beni Patrimonio dell'Unesco insieme alle altre ville e giardini della Toscana. La tenuta si affaccia sui vigneti del Montalbano e offre una vista incredibile sui colli che dominano la provincia di Prato e Firenze.

La vista dalla villa medicea La Ferdinanda | Foto Tenuta di Artimino
La vista dalla villa medicea La Ferdinanda | Foto Tenuta di Artimino

La villa è stata costruita per volere di Ferdinando I de' Medici e progettata da Bernardo Buontalenti. La tenuta nasce come residenza di caccia ed è anche chiamata dei Cento Camini per via del grande numero di camini che si vede spuntare sul tetto dell'edificio. I camini sono stati voluti proprio da Ferdinando I per riscaldare l'ambiente, visto che lui stesso soffriva di gotta e aveva bisogno di vivere in ambiente caldi. La caratteristica principale della Villa è la gigante scalinata in pietra che si avvita accompagnando il visitatore verso il palazzo. All'interno dell'immenso parco si trovava anche il Barco Reale ossia il parco della Villa che veniva usata per le battute di caccia, almeno fino al 1626 quando è stato chiuso definitivamente.

L'allestimento per il rito nuziale | Foto Tenuta di Artimino
L'allestimento per il rito nuziale | Foto Tenuta di Artimino

Tra le mura della Villa sono passati grandi artisti come Galileo Galilei, invitato nel 1608 proprio dal Granduca per insegnare al figlio Cosimo la matematica. Anche Leonardo Da Vinci, che per anni ha vissuto nelle zone adiacenti alla Villa, frequentava la tenuta tanto che è all'interno un antico girarrosto progettato proprio da lui.

Il borgo di Artimino
Il borgo di Artimino

Oggi la villa ospita matrimoni ed eventi oltre a ospitare un hotel a quattro stelle Tenuta Artimino che fa parte della catena Melià Collection. Le grandi camere offrono una magnifica visuale sulle colline toscane: il prezzo per un notte parte da 487 euro e arriva fino agli 800 per una suite nel borgo di Artimino.

Una delle stanze dell'Hotel
Una delle stanze dell'Hotel
209 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views