297 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Cosa serve a Sinner per diventare numero 3 nel ranking ATP dopo il torneo di Rotterdam

Jannik Sinner potrebbe diventare molto presto il primo tennista italiano a raggiungere la top 3 della classifica ATP. È solo questione di tempo.
A cura di Alessio Morra
297 CONDIVISIONI
Immagine

Jannik Sinner si sta ben disimpegnando nel torneo ATP 500 di Rotterdam, dove ha raggiunto i quarti. Il tennista altoatesino ha la possibilità la prossima settimana di entrare per la prima volta tra i primi tre della classifica ATP, cosa che non è mai riuscita a nessun italiano.

Una prospettiva che potrebbe concretizzarsi anche senza vincere, ma arrivando solo in finale con sette giorni di attesa in più. Il ranking attuale vede Sinner quarto con 8070 punti, e Medvedev terzo con 8765 punti. Più staccati i primi due giocatori del mondo, ovvero Novak Djokovic (9.855 punti) e Carlos Alcaraz (9.255).

Quanti punti servono a Sinner per diventare numero 3 del mondo

Allo stato attuale delle cose tra Medvedev e Sinner ci sono poco meno di 700 punti. In realtà questo solo sulla carta perché alla luce di quanto accaduto le cose sono già destinate a cambiare. La rinuncia del russo a giocare il torneo di Rotterdam gli ha fatto perdere di fatto 500 punti. Virtualmente dunque Daniil ha 8265 lunghezze. Anche Sinner in base al regolamento ha perso alla vigilia del torneo 300 punti per la finale del 2023. Questo vuol dire che la distanza tra i due si è ridotta.

Immagine

Sinner numero 3 del ranking ATP se vince Rotterdam

Se Sinner dovesse vincere il torneo di Rotterdam, migliorando dunque il risultato del 2022, toccherebbe quota 8.270 punti complessivi. Questo vuol dire che arriverebbe il terzo posto nel ranking ATP, con il sorpasso su Medvedev per soli 5 punti già a partire da lunedì 19 febbraio.

Cosa succede se Sinner perde a Rotterdam: quando può diventare numero 3

In caso di sconfitta in finale a Rotterdam, l'appuntamento con il terzo posto potrebbe essere solo rimandato. Sinner guadagnerà con la finale solo 330 punti alla luce del fatto che il regolamento prevede comunque un premio per chi arriva in fondo ai tornei. In questo caso sarebbe a quota 8100 lunedì 19 febbraio. Un bottino di punti che manterrà anche lunedì prossimo, quando invece Medvedev dovrà fare i conti con un'altra decurtazione. Il forfait a Doha gli costerà altri 250 punti in meno. Questo significa che scenderà a 8.015, scivolando alle spalle di Sinner in classifica.

Immagine

In realtà c'è anche un'ulteriore proiezione che fa sorridere Sinner in chiave terzo posto del ranking per la settimana del 4 marzo. Medvedev dopo Rotterdam e Doha dovrebbe difendere anche la vittoria anche a Dubai. L'infortunio del russo potrebbe impedirgli di giocare anche qui, facendogli perdere ulteriori punti. Una prospettiva che giova a Sinner che praticamente è già certo del terzo posto nelle prossime settimane.

297 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views