23 Maggio 2022
17:17

Verstappen vince senza DRS, Red Bull costretta a svelare un segreto: “Non possiamo permettercelo”

Il guasto al DRS che ha complicato la gara del GP di Spagna di Formula 1 a Max Verstappen è stato causato dagli aggiornamenti apportati sulla sua vettura: a spiegarlo è la Red Bull costretta a rivelare un segreto riguardo alla monoposto dell’altro suo pilota Sergio Perez.
A cura di Michele Mazzeo

L'esito del GP di Spagna, su un circuito più favorevole ai rivali della Ferrari, fortifica la posizione della Red Bull e di Max Verstappen che, approfittando dell'improvviso guasto al motore della F1-75 di Leclerc e di un Sainz non in grande giornata, conquistano la terza vittoria consecutiva e si riprendono la vetta di entrambe le classifiche iridate del Mondiale di Formula 1 2022. A rendere ancor più epico il successo dell'olandese sono state le difficoltà con cui ha dovuto fare i conti nei 66 giri di gara sul circuito di Barcellona: un grave errore ad inizio corsa e l'impossibilità di utilizzare il DRS.

Dopo esser finito nella ghiaia per un banale errore in Curva 4 al nono giro infatti il campione del mondo in carica ha dovuto ricostruire la propria gara ripartendo dalla quarta posizione alle spalle del leader, già in fuga, Leclerc, del compagno di squadra Sergio Perez e di un George Russell esaltato dai miglioramenti fatti dalla Mercedes. E lo ha dovuto fare senza poter utilizzare l'ala mobile della sua RB-18 che, nonostante fosse stata sostituita dopo i problemi dati in qualifica, non ha funzionato correttamente per tutta la gara.

Non potendo usufruire dell'aiuto del DRS la lotta in pista con Russell è stata molto più dura del previsto (mentre Perez che poteva azionare tranquillamente l'ala mobile non ha faticato più di tanto a sopravanzare la W13 del giovane britannico) con l'olandese che ha dovuto lavorare di strategia per soffiare la posizione al pilota Mercedes nel gioco dei pit-stop. E così, liberatosi di quello che, dopo l'improvvisa uscita di scena di Leclerc, era l'unico vero ostacolo tra lui e la vittoria, con il compagno di squadra Sergio Perez obbligato a lasciarlo passare, pur dovendo fare i conti con il guasto all'ala mobile l'olandese ha centrato la quarta vittoria stagionale issandosi per la prima volta in stagione in vetta al Mondiale.

A destare grande curiosità al termine della corsa spagnola è stato soprattutto il motivo del guasto al DRS della RB-18 numero #1 per tutto il GP di Spagna, vale a dire gli aggiornamenti portati sulla vettura e la drastica perdita di peso che ha consentito alla macchina di Verstappen di fare un importante step in termine di velocità nelle ultime gare: "Dieci chili in meno portavano circa 3 decimi e mezzo di guadagno a Barcellona. Purtroppo non potevamo prevedere però che la riduzione del peso potesse avere delle ripercussioni simili sul sistema DRS – ha infatti rivelato il superconsulente Red Bull Helmut Marko a Motorsport-total.com -. Dopo le qualifiche pensavamo di aver risolto il problema, ma si è ripresentato anche in gara. A seguito degli aggiornamenti dunque – ha poi aggiunto l'austriaco –, alcune parti hanno perso di rigidità e l'ala non ha funzionato come avrebbe dovuto".

A questo punto però inevitabilmente viene da chiedersi il motivo per il quale l'ala mobile non abbia funzionato solo sulla vettura di Verstappen, mentre nessun problema è stato riscontrato per tutto il weekend sulla vettura dell'altro pilota Red Bull Sergio Perez. Per rispondere a questa domanda Helmut Marko è stato costretto a svelare un segreto che il team di Milton Keynes stava cercando di nascondere: "Con questo ritmo di sviluppi non possiamo permetterci di produrre abbastanza elementi per entrambe le vetture" ha difatti detto il consulente della scuderia austriaca rivelando di fatto che gli aggiornamenti sono stati montati soltanto sulla RB-18 del nuovo leader del Mondiale Max Verstappen.

Il disagio della Red Bull: prende posizione sul razzismo ma non contro il suocero di Verstappen
Il disagio della Red Bull: prende posizione sul razzismo ma non contro il suocero di Verstappen
Con il dominio assoluto della Red Bull la Formula 1 torna indietro di 11 anni
Con il dominio assoluto della Red Bull la Formula 1 torna indietro di 11 anni
Polizia e cani antidroga nel box della Red Bull dopo il GP del Canada:
Polizia e cani antidroga nel box della Red Bull dopo il GP del Canada: "Trovato qualcosa?"
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
175
2
S. Pérez Red Bull
Red Bull
129
3
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
126
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
111
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
102
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
304
2
Ferrari
228
3
Mercedes
188
4
McLaren
65
5
Alpine
57
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni