La Formula 1 sembra sempre piatta, chi non la segue pensa che vincono sempre gli stessi – che in questa era sono quelli della Mercedes, in passato toccava alla Red Bull e prima ancora alla Ferrari di Schumacher e alla McLaren di Senna e Prost. In realtà è così, ma ogni tanto capitano delle gare in cui tutto è stravolto e la parola favola è quella che viene più spesso citata. Pierre Gasly l'ha vissuta davvero una giornata da favola ed è stato fenomenale a Monza, dove ha vinto la prima gara della sua carriera e lo ha fatto un anno e un mese dopo essere stato liquidato, in malo modo, dalla Red Bull che lo aveva spedito nella sua seconda squadra che da qualche mese di chiama Alpha Tauri. Gasly ha messo tutti in riga e si è tolto una soddisfazione enorme e ha dimostrato come, una volta ogni tanto, può arrivare una giornata di gloria per chiunque.

La rinascita di Pierre Gasly, pilota vero

Era passato dalla Toro Rosso alla Red Bull, che lo aveva messo al fianco di Verstappen nel Mondiale 2019, ma dopo il Gp d'Ungheria, l'ultimo prima della pausa estiva era stato rimpiazzato da Albon ed è spedito nuovamente alla Toro Rosso. Una retrocessione vera e propria, un altro pilota avrebbe mollato, lui invece ha tenuto botta, nonostante una delusione enorme e ha chiuso la stagione addirittura con un podio pazzesco conquistato in Brasile. In questo 2020 è partito forte, è stato veloce e costante, aveva colto ottimi risultati, non pensava di riuscire a vincere a Monza e invece anche a causa della penalità di Hamilton è riuscito a trionfare. Vittoria meritata e lacrime a fine gara che hanno commosso.

La Francia non vinceva in F1 dal 1996

Pierre Gasly ha regalato materialmente il primo successo della storia all'Alpha Tauri, che fino a qualche mese fa era la Toro Roso che a Monza vinse già nel 2008 (con Vettel sotto la pioggia), ed è diventato il primo francese a vincere un Gp dal 1996. All'epoca ci fu, pure come oggi, una gara folle. A Montecarlo il traguardo lo tagliarono solo quattro piloti e trionfò Olivier Panis sulla Ligier, un successo storico come quello di Gasly, che spera (e crede) di ottenere altri successi, magari un giorno.

I complimenti di Hamilton a Gasly

E dopo aver vinto Gasly, che vive a Milano e ha una fidanzata italiana, ha raccolto complimenti dà ogni dove. Il francese è stato congratulato subito dall'amico Leclerc e sul podio anche da Stroll, poi sono arrivati gli applausi social di Lewis Hamilton che su Twitter ha scritto: "Voglio davvero complimentarmi con Pierre Gasy per la sua straordinaria vittoria. L'ha meritata".