Si è conclusa anche la seconda sessione di test sulla pista di Jerez in vista del debutto del Mondiale 2020 della MotoGP che prenderà il via nel prossimo week end con il GP di Spagna che si disputerà proprio nel circuito intitolato ad Angel Nieto. Nel secondo turno a piazzare il miglior tempo è stato Maverick Vinales che con la sua Yamaha M1 nel giro migliore ha fermato il cronometro sull'1:37.793. Il pilota catalano ha dunque fatto meglio del francese Fabio Quartararo su Petronas (+118 millesimi) e del campione del mondo in carica Marc Marquez che in sella alla sua Honda, dopo aver siglato il miglior tempo nella prima sessione di test, nella seconda ha chiuso con 228 millesimi di ritardo dal leader non riuscendo a migliorare quanto fatto al mattino.

Quarto tempo per Alex Rins (+524 millesimi) che ha preceduto il compagno di team in Suzuki Joan Mir di 37 millesimi. Primo degli italiani Pecco Bagnaia che con la Ducati del team Pramac ha chiuso con il sesto tempo a 624 millesimi di distacco da Vinales. Il centauro torinese classe '97 ha preceduto nell'ordine Zarco, Aleix e Pol Espargaro e il connazionale Franco Morbidelli che chiude la top 10. Dodicesimo tempo per il convalescente Andrea Dovizioso, mentre Valentino Rossi, dopo il terzo miglior tempo della sessione mattutina, nel pomeriggio ha chiuso con il 16° crono lontanissimo dal compagno di squadra al comando della sessione. Ultimo tempo per Danilo Petrucci, scivolato in avvio di sessione per una chiazza d'olio sulla pista e portato in ospedale per degli accertamenti. Scivolata questa, insieme a quelle di Alex Rins e Aleix Espargarò, che hanno costretto i commissari a sospendere la sessione (bandiere rosse) per oltre 40 minuti di modo di permettere agli operatori del circuito di pulire il tracciato.