566 CONDIVISIONI
17 Febbraio 2022
17:11

In Formula 1 arriva il VAR e spariscono i team radio: la rivoluzione è ufficiale

Prosegue la rivoluzione del regolamento F1 in seguito a quanto avvenuto nel convulso GP di Abu Dhabi della passata stagione: la FIA ha annunciato altre due nuove regole che saranno introdotte a partire dal Mondiale di Formula 1 2022.
A cura di Michele Mazzeo
566 CONDIVISIONI

La rivoluzione della Formula 1 post GP di Abu Dhabi prosegue senza soste. L'ultima gara della passata stagione e tutte le polemiche che ne sono seguite infatti non sono costate care soltanto all'ormai ex direttore di gara Michael Masi (sostituito dalla coppia formata da Niels Wittich ed Eduardo Freitas), ma sono andate ad incidere profondamente sul regolamento F1 in vista del Mondiale di Formula 1 2022.

Contestualmente all'annuncio della sostituzione di Masi al comando della Direzione di Gara F1, difatti, il nuovo presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem ha comunicato due grandi novità regolamentari che entreranno in vigore dal prossimo imminente campionato. Innanzitutto anche nella Formula 1 verrà introdotto il VAR come nel calcio: sarà infatti creata una sala di controllo virtuale che avrà il compito di assistere il Direttore di Gara durante i GP.  "Come il Video Assistance Referee (VAR) nel calcio, sarà posizionato in uno degli Uffici FIA fuori dal circuito. In connessione in tempo reale con il direttore di gara della FIA F1, aiuterà ad applicare i regolamenti sportivi utilizzando i più moderni strumenti tecnologici" ha infatti rivelato il numero uno della Federazione Internazionale.

In attesa che si concluda linchiesta della FIA su quanto avvenuto nel convulso finale del GP di Abu Dhabi le cui risultanze dovrebbero portare anche ad un cambio regolamentare anche per quanto riguarda le procedure da seguire in regime di Safety Car, c'è già un'altra nuova regola che entrerà in vigore a partire dal Mondiale di Formula 1 2022 e che è strettamente legata a quanto avvenuto a quei giri finali della gara di Yas Marina dello scorso 12 dicembre e alle decisioni controverse prese da Michael Masi che hanno di fatto deciso la lotta per il titolo iridato tra Lewis Hamilton e Max Verstappen in favore di quest'ultimo.

Mohammed Ben Sulayem ha infatti confermato che sia i membri del World Motor Sport Council che quelli della Commission F1 hanno sostenuto la nuova regola riguardo alle comunicazioni via radio tra i team e la Direzione di Gara durante i Gran Premi. Dal 2022 dunque non sarà più possibile per i team principal delle varie scuderie parlare direttamente con il direttore di gara nel corso delle gare. Lo scopo, evidente, è quello di evitare che si ripeta quel tentativo costante di fare pressione su chi deve decidere diventato quasi prassi nelle ultime gare dello scorso Mondiale. Sembra dunque trattarsi di una vera e propria regola anti Toto Wolff e Christian Horner.  "Le comunicazioni radio dirette durante la gara, attualmente trasmesse in diretta da tutte le tv, saranno soppresse per proteggere il direttore di gara da qualsiasi pressione e consentirgli di prendere decisioni serenamente. Sarà comunque possibile porre domande al direttore di gara, ma seguendo un iter ben definito e non invadente" ha infatti confermato il presidente della FIA che dunque sta del tutto rivoluzionando il regolamento della Formula 1.

566 CONDIVISIONI
La Ferrari spiega l'imbarazzante team radio con Sainz in Francia:
La Ferrari spiega l'imbarazzante team radio con Sainz in Francia: "È colpa della TV"
La griglia di partenza del GP Francia di Formula 1 2022
La griglia di partenza del GP Francia di Formula 1 2022
La griglia di partenza del GP Ungheria di Formula 1 2022
La griglia di partenza del GP Ungheria di Formula 1 2022
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
258
2
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
178
3
S. Pérez Red Bull
Red Bull
173
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
158
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
156
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
431
2
Ferrari
334
3
Mercedes
304
4
Alpine
99
5
McLaren
95
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni