20 Settembre 2021
16:06

“Via per divergenze sul progetto tecnico”, così l’Inter ha liquidato Antonio Conte 

A distanza di quasi 4 mesi dal grande addio tra Antonio Conte e l’Inter, è emersa la motivazione ufficiale per cui le strade del tecnico e del club si sono separate pochi giorni dopo il 29° scudetto: diverse visioni del progetto tecnico che hanno portato “le parti di comune accordo a risolvere il reciproco rapporto di lavoro”.
A cura di Alessio Pediglieri

Lo scorso 26 maggio si è consumato il grande strappo nel seno dell'Inter campione d'Italia: Antonio Conte e il club hanno deciso di chiudere anzitempo il proprio contratto di lavoro trovando una risoluzione consensuale – con buonuscita. Le due strade che avevano portato al progetto tricolore si interrompono, da lì in poi è una nuova storia fatta di altri addii importanti nella sessione estiva di calciomercato (Hakimi al Psg e Lukaku al Chelsea) e di nuovi arrivi sia in panchina con Simone Inzaghi sia in una rosa rinnovata in tutti i reparti (da Dumfries a Dzeko passando per Calhanoglu e Correa).

Adesso, si ha anche la conferma ad alcune domande cui non era mai stata data risposta: qual è stato il reale motivo di una così improvvisa quanto totale spaccatura a pochi giorni dai festeggiamenti del 29° scudetto? E perché, davanti alla volontà del tecnico di non continuare più ad allenare la squadra  – con un contratto in scadenza naturale nel 2022 – la società nerazzurra ha comunque corrisposto una sostanziale buonuscita?

A dare spiegazioni è il verbale dell'Assemblea dei soci dello scorso 8 luglio, in cui l'amministratore delegato Beppe Marotta ha dovuto rispondere a chi ha chiesto espressamente la motivazione del divorzio, clamoroso e repentino che ha visto la società rielaborare un intero progetto sportivo dopo il titolo appena conquistato: "La Società e l’allenatore si sono incontrati, e hanno preso atto di alcune diverse visioni circa il progetto tecnico per il futuro della Società – si legge dal verbale di assemblea pubblicato da Calcio e Finanza – pertanto, le parti hanno deciso di comune accordo di risolvere il reciproco rapporto di lavoro".

Dunque, c'è la conferma diretta della differenza inconciliabile di vedute da parte del tecnico e del club. Il primo avrebbe continuato ad allenare nel rispetto dell'accordo in vigore ma richiedendo garanzie tecniche precise. Tuttavia, di fronte alla decisione della società di autofinanziarsi e votare per un mercato di ripiego da chiudere in attivo a fronte anche di sacrifici importanti – come poi è stato – venivano a mancare i presupposti per continuare.

Un ‘divorzio' che ha portato l'Inter a dare comunque una buonuscita economica importante ad Antonio Conte, sulla cifra di 7 milioni di euro. Anche in questo caso, molte domande sul perché e davanti alle richieste di spiegazioni dei soci che domandavano le "motivazioni che hanno portato la Società a riconoscere una buonuscita all’allenatore della precedente stagione sportiva", ancora Marotta ha dato risposta:

Nel contesto di tale accordo, come accade tipicamente nel mercato di riferimento, la Società ha riconosciuto all’allenatore un importo (pari a circa la metà del compenso previsto dal contratto di lavoro per la stagione 2021/2022), al fine di remunerare gli impegni assunti dall’allenatore nel contesto della risoluzione contrattuale

Il Newcastle passa ai ricchi Principi sauditi e spunta subito il nome di Antonio Conte
Il Newcastle passa ai ricchi Principi sauditi e spunta subito il nome di Antonio Conte
Gli atteggiamenti che Conte detestava: grave errore dell'Inter sul gol di Felipe Anderson
Gli atteggiamenti che Conte detestava: grave errore dell'Inter sul gol di Felipe Anderson
Cassano non ha dubbi: "Tuchel non deve imparare da Conte come far giocare Lukaku"
Cassano non ha dubbi: "Tuchel non deve imparare da Conte come far giocare Lukaku"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni