224 CONDIVISIONI
16 Agosto 2022
12:54

Tuchel pazzo di rabbia per una parola urlata da Conte: così è nata la guerra della stretta di mano

Emergono nuovi retroscena sulla rissa sfiorata tra Tuchel e Antonio Conte nel finale di Tottenham-Chelsea. Il tedesco infuriato per le parole dell’avversario.
A cura di Marco Beltrami
224 CONDIVISIONI

Quanto successo tra Thomas Tuchel e Antonio Conte ha fatto il giro del mondo. La lite che per poco non è sfociata in una vera e propria rissa in occasione della sfida tra Tottenham e Chelsea ha catalizzato l'attenzione più del risultato della partita (2-2), bellissima. Scene tutt'altro che edificanti, con i due manager che poi hanno provato a minimizzare, senza particolare fortuna. A distanza di meno 24 ore, emergono nuovi particolari sul duello tra il tecnico tedesco e quello italiano, che hanno perso le staffe.

L'hanno definita la "guerra della stretta di mano", ma in realtà gli animi a bordo campo tra Conte e Tuchel si sono infiammati già prima. Galeotte sono state le esultanze: veemente quella di Conte dopo il pareggio, con l'abbraccio ai suoi collaboratori, e la gioia urlata a pochi passi dalla panchina avversaria. Già in questa occasione i due sono entrati in rotta di collisione con giocatori e addetti ai lavori costretti agli straordinari. L'attuale tecnico dei Blues ha poi provato a restituire pan per focaccia, con una corsa sfrenata davanti alla panchina ospite.

Una situazione che fortunatamente a quanto pare è sfuggita ad Antonio Conte, che infatti nella notte post-partita si è lasciato andare ad un post relativo all'episodio caricando sul suo profilo Instagram un'immagine di quanto accaduto accompagnata da queste parole: "Per fortuna che non ti ho visto… uno sgambetto te lo saresti proprio meritato…".

Atmosfera più rilassata? Bisognerà aspettare un nuovo incontro tra il Chelsea e Tottenham per capire se i due si sono riappacificati. Nel frattempo la Bild ha aggiunto il proverbiale carico, spiegando cosa ha fatto perdere la testa a Tuchel. Quest'ultimo in occasione della stretta di mano, si è lamentato con Conte in maniera accesa del suo mancato guardarlo in faccia, con le telecamere che hanno mostrato l'ex di Juventus e Inter imbufalito. "Cosa vuoi?" ha urlato a più riprese l'allenatore del Tottenham al suo avversario, che gli ha fatto il gesto degli occhi.

Secondo il quotidiano tedesco, Tuchel si sarebbe infuriato non solo per l'atteggiamento di Conte, e le sue esultanze in faccia. Ma anche per un insulto gridato più volte a quella che era un tempo la sua panchina. "Fuck off!!" (ovvero "Vaffan****"), questa la parola che ha mandato su giri i Blues e in particolare Tuchel, gettando altra benzina sul fuoco. L'allenatore nel post-gara ha dichiarato che non ci sarebbero stati insulti. Dichiarazioni di circostanza? Attenzione anche al referto dell'arbitro potrebbero arrivare sorprese. E pensare che il tutto sarebbe potuto anche non succedere se l'arbitro avesse sanzionato il fallo di Romero su Cucurella, poco prima del gol del definitivo pareggio di Kane. Chissà cosa sarebbe successo in questo caso.

224 CONDIVISIONI
Tuchel esasperato da una domanda su Cristiano Ronaldo: così è iniziata la rottura con il Chelsea
Tuchel esasperato da una domanda su Cristiano Ronaldo: così è iniziata la rottura con il Chelsea
Haaland devastante anche contro i Wolves: numeri irreali dopo l'ennesimo gol col Manchester City
Haaland devastante anche contro i Wolves: numeri irreali dopo l'ennesimo gol col Manchester City
Ethan Nwaneri a 15 anni gioca con l'Arsenal e diventa il più giovane esordiente della Premier
Ethan Nwaneri a 15 anni gioca con l'Arsenal e diventa il più giovane esordiente della Premier
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni