Andrea Pirlo ha vinto il suo primo trofeo da allenatore. La Juventus ha battuto 2-0 il Napoli nella finale della Supercoppa Italiana grazie ai gol dei soliti Cristiano Ronaldo e Alvaro Morata, ma il tecnico bianconero deve ringraziare anche, e soprattutto, il suo portiere Wojciech Szczęsny autore di due grandi parate nei 90 minuti contro i partenopei. Due prodezze che hanno salvato in due occasioni il risultato.

Il primo miracoloso intervento è quello compiuto dall'estremo difensore polacco nel corso del primo tempo sul risultato di 0-0 quando grazie ad una straordinaria prontezza di riflessi è riuscito ad intercettare il potente colpo di testa ravvicinato in tuffo di Lozano evitando così lo svantaggio alla formazione bianconera. Uno svantaggio che avrebbe certamente cambiato l'inerzia del match costringendo la Juventus ad uscire dai propri tradizionali schemi per trovare il pareggio.

Il secondo grande intervento di serata di Szcesny è arrivato invece nel finale di gara quando il Napoli, sotto di un gol,  ha tentato di assediare l'area bianconera per trovare la rete che avrebbe portato il match ai supplementari dopo l'errore dal dischetto di Lorenzo Insigne che, lui sì, ha graziato il numero uno della Juventus. A pochi minuti dal termine il portiere polacco è stato ancora una volta protagonista con una parata forse ancor più difficile della prima: Politano va sul fondo e serve all'indietro Di Lorenzo  che va al tiro immediato, il pallone viene deviato da Chiellini cambiando improvvisamente direzione, Szczesny già in tuffo riesce a cambiare direzione e sventare il pericolo con una parata che vale più di un gol, certamente più del gol del raddoppio di Morata arrivato pochi secondi prima del fischio finale.