32 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Righetti è amico di Allegri e sa dove andrà l’anno prossimo: tira in ballo Antonio Conte

Ubaldo Righetti ha condiviso lo spogliatoio da calciatore con Massimiliano Allegri e la loro amicizia dura da allora: lui sa cosa farà e chi lo sostituirà alla Juventus.
A cura di Paolo Fiorenza
32 CONDIVISIONI
Immagine

A dispetto di un contratto che gli garantisce un altro anno sulla panchina della Juventus, Massimiliano Allegri è tutt'altro che sicuro di restare alla guida della squadra bianconera anche nella prossima stagione. Gli ultimi risultati deludenti (due soli punti nelle ultime quattro partite, pur avendo solo il campionato da giocare) hanno spianato la via dello scudetto all'Inter e stanno inducendo la Juve a qualche riflessione, che verrà condivisa con lo stesso tecnico tra un paio di mesi quando il quadro sarà ancora più chiaro, soprattutto con riferimento al piazzamento finale e al relativo auspicato ritorno in Champions. Lo stesso Allegri potrebbe essere stanco di una pressione su di lui così continua e stancante.

Massimiliano Allegri ha un contratto con la Juventus fino al 30 giugno 2025
Massimiliano Allegri ha un contratto con la Juventus fino al 30 giugno 2025

Lo scenario dell'addio in estate alla Juventus è dato quasi per certo da qualcuno che Allegri lo conosce molto bene, Ubaldo Righetti, che si spinge anche a dire dove potrebbe andare: un'altra squadra di Serie A. Il rapporto tre i due non si è mai interrotto dopo la comune militanza nel Pescara all'inizio degli anni '90 e dunque le parole dell'ex difensore romano hanno un peso specifico notevole. Righetti domenica sera è stato ospite alla DS ed è stato sollecitato sul futuro del 56enne livornese in questo momento difficile: "Credo che finirà l'anno alla Juve, però poi abbia voglia di vivere altre esperienze, non credo assolutamente all'estero".

Ubaldo Righetti ospite alla DS non ha dubbi sul futuro di Allegri
Ubaldo Righetti ospite alla DS non ha dubbi sul futuro di Allegri

Righetti approfondisce il concetto: "Se parli con gli allenatori, ti dicono che tre anni è il massimo per poter stare in una società: la costruzione, lo sviluppo e poi casomai il risultato. Potrebbe andare al Napoli? Non credo, penso più al centro Italia. Dove gli piacerebbe andare? Roma gli piace, può essere una piazza… Lazio? Non credo. Il Barcellona? Ha già rifiutato il Real Madrid a suo tempo. Alla Roma ci è già andato vicino qualche anno fa…".

Quello che l'amico di Allegri si sente davvero di escludere è che Max resti ancora sulla panchina della Juventus. Ed è qui che Righetti tira in ballo Antonio Conte come possibile sostituto in bianconero, un altro cavallo di ritorno: "È dura, difficile, anche perché c'è una pressione di altri allenatori che vogliono la Juve. Ad Antonio Conte la Juve piace tanto, al Milan invece non lo vedo proprio, perché il Milan ha una filosofia internazionale di un certo tipo di calcio, giocato in una certa maniera, non ce lo vedo Antonio Conte".

Tra Allegri e la Roma c'è peraltro un Daniele De Rossi che sta facendo benissimo da quando ha sostituito Mourinho e che se continua così (attualmente è a quattro punti dal quarto posto che vale la Champions) è probabile che venga confermato, visto anche il gradimento della piazza.

32 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views