348 CONDIVISIONI
12 Luglio 2021
23:47

Rashford risponde agli insulti razzisti: “Non mi scuserò mai per chi sono e da dove vengo”

L’attaccante dell’Inghilterra Marcus Rashford ha risposto agli insulti razzisti piovutigli addosso dopo il rigore sbagliato nella finale degli Europei contro l’Italia: “Sono dispiaciuto per come è andata, ma non mi scuserò mai per chi sono e da dove vengo. Sono Marcus Rashford, un uomo di colore di 23 anni di Withington e Wythenshawe, South Manchester. Se non ho altro, ho quello”.
A cura di Michele Mazzeo
348 CONDIVISIONI

Marcus Rashford è stato uno dei protagonisti in negativo per l‘Inghilterra della finale degli Europei contro l'Italia e i suoi stessi tifosi lo hanno subissato di offese ricoprendolo anche di insulti razzisti. L'attaccante del Manchester United, entrato alla fine dei supplementari per poi sbagliare uno dei calci di rigore costati la sconfitta alla Nazionale di Southgate, ha scritto una toccante lettera sui suoi social con la quale si è scusato per l'errore dal dischetto rivendicando però l'orgoglio per le sue radici dopo gli attacchi ricevuti.

"Non so nemmeno da dove cominciare e non so nemmeno come esprimere a parole come mi sento in questo preciso momento. Ho avuto una stagione difficile, credo fosse chiaro a tutti, e probabilmente sono arrivato a quella finale con poca fiducia. Mi sono sempre difeso sui rigori, ma c'era qualcosa che non andava.

Durante la lunga rincorsa ho perso un po' di tempo e purtroppo il risultato non è stato quello che volevo. Mi sentivo come se avessi deluso i miei compagni di squadra. Mi sembrava di aver deluso tutti. Un rigore è stato tutto ciò che mi hanno chiesto per contribuire alla squadra. Posso segnare rigori anche mentre dormo, quindi perché non quello?

Ho continuato a giocare nella mia testa da quando ho colpito la palla e probabilmente non c'è una parola per descrivere come mi sento. Finale. 55 anni. Un rigore. La storia. Tutto quello che posso dire è che mi dispiace. Vorrei che fosse andata diversamente.

Anche se continuo a scusarmi, voglio parlare per i miei compagni di squadra. Questa estate è stata una delle migliori che abbia mai vissuto e tutti voi avete avuto un ruolo in questo. È stata costruita una confraternita incrollabile. Il tuo successo è il mio successo. I tuoi fallimenti sono i miei. Sono cresciuto in uno sport dove mi aspettavo di leggere cose scritte su di me. Che sia per il colore della mia pelle, dove sono cresciuto o, più recentemente, per come decido di trascorrere il mio tempo fuori dal campo.

Posso accettare critiche sulla mia prestazione tutto il giorno, il mio rigore non era abbastanza buono, avrei dovuto segnare, ma non mi scuserò mai per chi sono e da dove vengo. Non mi sono mai sentito più orgoglioso come quando ho indossato quei tre leoni sul petto guardando la mia famiglia che mi acclamava insieme a una folla di decine di migliaia di persone.

Ho sognato giorni come questo. I messaggi che ho ricevuto oggi sono stati positivamente travolgenti e vedere la risposta a Withington mi ha portato sull'orlo delle lacrime. Le comunità che mi hanno sempre circondato con le loro braccia continuano a sostenermi.  Sono Marcus Rashford, un uomo di colore di 23 anni di Withington e Wythenshawe, South Manchester. Se non ho altro, ho quello. Per tutti i messaggi gentili, grazie. Tornerò più forte. Torneremo più forti".

348 CONDIVISIONI
Maignan risponde agli insulti razzisti: "Non sono 'vittima'. Sono Mike, in piedi, nero e orgoglioso"
Maignan risponde agli insulti razzisti: "Non sono 'vittima'. Sono Mike, in piedi, nero e orgoglioso"
Il tifoso che ha rivolto insulti razzisti a Maignan: "Volevo fare una goliardata, avevo bevuto"
Il tifoso che ha rivolto insulti razzisti a Maignan: "Volevo fare una goliardata, avevo bevuto"
Insulti razzisti a Maignan, un video mostra cosa è accaduto all'Allianz Stadium
Insulti razzisti a Maignan, un video mostra cosa è accaduto all'Allianz Stadium
5.152 di MatSpa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni