1.245 CONDIVISIONI
28 Agosto 2022
21:23

Pogba ricattato dal fratello e una banda, lo tormentano anche alla Juve: vogliono 13 milioni

Paul Pogba ha raccontato di essere finito in una rete di ricattatori composta da amici d’infanzia e due uomini incappucciati armati di fucili d’assalto. Di questo gruppo criminale fa parte anche il fratello Mathias.
A cura di Vito Lamorte
1.245 CONDIVISIONI

Nei giorni scorsi una notizia dalla Francia ha dato il via ad un tam tam che si è diffuso per tutto il mondo:  Mathias Pogba ha rivelato di essere a conoscenza di fatti tenuti nascosti sul fratello Paul, l’avvocatessa Rafaela Pimenta e su Kylian Mbappè. Nelle ore successive si è scoperto che dall'inizio di agosto oltre le Alpi è stata aperta un'indagine per "tentativi di estorsione da parte di una organizzazione criminale" nei confronti di Paul Pogba. A dare la notizia è Franceinfo, che ha appreso da fonti familiari la questione.

Si è scoperto che il calciatore della Juventus sarebbe vittima di minacce e di tentata estorsione da parte del fratello maggiore e di alcuni amici d'infanzia. Paul Pogba avrebbe confidato agli investigatori dell'Ufficio centrale per la lotta alla criminalità organizzata di essere stato ricattato da amici d'infanzia e due uomini incappucciati armati di fucili d'assalto. Secondo le indiscrezioni gli avrebbero chiesto 13 milioni di euro.

Lo scorso mese di marzo, tra il 25 e il 29, quando la Francia ha ospitato la Costa d'Avorio e il Sudafrica in un'amichevole, Paul Pogba aveva colto l'occasione per visitare la sua famiglia a Lagny-sur-Marne ma gli amici lo avrebbero trascinato in un appartamento per rinfacciargli di non averli aiutati finanziariamente da quando è diventato un giocatore professionista.

Il campione del mondo 2018 ha assicurato agli inquirenti di aver visto più volte i suoi ricattatori, in particolare ad aprile a Manchester e a luglio al centro di allenamento della Juventus. Proprio a Torino avrebbe riconosciuto il fratello Mathias, con il quale non ha buoni rapporti. Dopo questo episodio Paul ha deciso di raccontare tutto agli avvocati del club, che hanno deciso di avvisare la polizia.

Durante le sue audizioni il giocatore della Juve ha spiegato agli inquirenti di essere sempre stato vicino agli amici d'infanzia e di non aver mai esitato ad aiutarli economicamente quando erano in difficoltà fino allo scorso gennaio, quando aveva cacciato dalla sua casa di Manchester un amico perché gli aveva rubato 200.000 euro dalla carta di credito.

Gli avvocati di Paul Pogba hanno fatto sapere che "le recenti dichiarazioni di Mathias Pogba sui social non sono purtroppo una sorpresa". Come già anticipato, il fratello maggiore di Pogba ha promesso "rivelazioni esplosive" sul giocatore della Juve, sulla sua agente Rafaela Pimenta e a Kylian Mbappé.  Il nome dell'attaccante del Paris Saint-Germain è finito a sorpresa in questa vicenda e in una situazione anche piuttosto particolare. Agli investigatori Paul Pogba avrebbe fatto riferimento al suo compagno spiegando che i ricattatori volevano screditarlo pubblicando dei messaggi in cui avrebbe chiesto ad un ‘marabout', un santone musulmano, vicino alla sua famiglia di lanciare un incantesimo al suo compagno di nazionale. Pogba ha respinto ogni tipo di accusa.

1.245 CONDIVISIONI
Dall'estero un solo coro su Pogba: o si taglia lo stipendio o rescissione anticipata con la Juve
Dall'estero un solo coro su Pogba: o si taglia lo stipendio o rescissione anticipata con la Juve
Juve-Lazio, formazioni ufficiali e dove vederla in TV e streaming: il canale della partita di Coppa Italia
Juve-Lazio, formazioni ufficiali e dove vederla in TV e streaming: il canale della partita di Coppa Italia
Le notizie di calciomercato del 13 gennaio
Le notizie di calciomercato del 13 gennaio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni