Non è stata una partita come le altre quella tra Napoli e Roma. Il posticipo domenicale della nona giornata della Serie A 2020/2021 si è giocato pochi giorni dopo la morte di Diego Armando Maradona e l'atmosfera nella città campana da diversi giorni è quella di un vero e proprio lutto. Al San Paolo la sfida tra gli azzurri e i giallorossi si è conclusa con la vittoria per 4 a 0 della squadra di Gennaro Gattuso, che con questa affermazione ha ritrovato la vittoria in campionato dopo la sconfitta con il Milan di sette giorni fa e ha agganciato a 17 punti la Juventus e proprio i giallorossi.

L’omaggio al Pibe de Oro è stato emozionante, nonostante l'assenza di pubblico sugli spalti,  e le squadre di Gattuso e Fonseca intorno al cerchio di centrocampo hanno osservato il minuto di raccoglimento prima dell'inizio del match, con la maglia "stile Argentina" numero 10 dedicata a Maradona posata in mezzo al campo, e poi c'è stato lo stop al 10′.

Il Napoli ha avuto un buon approccio al match e dopo aver portato sempre più in avanti il baricentro al 30′ si è portato in vantaggio con una punizione di Lorenzo Insigne: il capitano azzurro ha disegnato una bellissima parabola da fermo e ha insaccato la palla alle spalle di Mirante, non proprio esente da colpe. Il ragazzo di Frattamaggiore ha dedicato il gol a Diego, baciando con la maglia con il numero 10 e il nome di Maradona. Insigne non segnava su punizione dal gennaio 2016. Nel corso del primo tempo Fonseca ha perso per infortunio Mancini e Veretout, che si sono fermati entrambi per problemi muscolari.

Nella ripresa il Napoli ha cercato il raddoppio nei primi minuti ma pian piano è cresciuta la Roma, ma i giallorossi non hanno mai creato grossi problemi a Meret. Poco dopo l'ora di gioco la squadra di Gattuso ha trovato il raddoppio con Fabian Ruiz, che con un preciso tiro di sinistro ha insaccato alla sinistra di Mirante e ha indirizzato definitivamente il match. La palla calciata dal centrocampista ex Betis è passata tra le gambe di Juan Jesus ed è finita in rete dopo aver toccato il palo.

All'81' è arrivato il tris del Napoli, che ha chiuso la pratica grazie al gol di Dries Mertens. Il belga ha insaccato da pochi passi dopo una respinta maldestra di Mirante su tiro dal limite di Elmas. Non un partita brillante per l'estremo difensore giallorosso. Poker azzurro con Matteo Politano, che ha saltato mezza difesa giallorossa in dribbling e poi ha depositato il pallone in rete dopo aver evitato anche l'intervento di Mirante.

Gli azzurri tornano a sorridere in campionato dopo la battuta d'arresto col Milan e lo fanno in una serata molto particolare per quanto accaduto durante la settimana appena finita. Per la Roma è la prima sconfitta stagionale ‘sul campo', visto che l'altra risaliva alla gara di Verona e al "caso Diawara" della prima giornata.

Il tabellino di Napoli-Roma

RETI: 30′ Insigne, 64′ Fabian Ruiz, 81′ Mertens, 86′ Politano.

NAPOLI (4-2-3-1): Meret, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Demme (83′ Lobotka); Lozano (66′ Politano), Zielinski (77′ Elmas), Insigne; Mertens (83′ Petagna). Allenatore: Gattuso.

ROMA (3-4-2-1): Mirante; Mancini (38′ Juan Jesus), Cristante, Ibanez; Karsdorp, Veretout (46′ Villar), Pellegrini (79′ Mayoral), Spinazzola; Pedro, Mkhitaryan; Dzeko (70′ C.Perez). Allenatore: Fonseca.

ARBITRO: Marco Di Bello.