Proteste e polemiche al termine di Fiorentina-Lazio, posticipo domenicale della nona giornata di Serie A. La moviola della sfida conclusasi con il risultato di 1-2 si concentra soprattutto su due episodi: il primo è quello relativo al mancato rigore assegnato alla Lazio per un fallo di Caceres su Lazzari nel primo tempo, e il secondo è quello del presunto fallo di Lukaku su Sottil, nell’avvio dell’azione che ha portato al gol vittoria di Ciro Immobile.

Moviola Fiorentina-Lazio, manca un rigore alla Lazio per un fallo di Caceres su Lazzari

Il primo episodio da moviola di Fiorentina-Lazio è andato in scena intorno al 12′. Percussione sulla destra di Lazzari che con una progressione super entra in area e cade dopo un contatto con Caceres. L'uruguaiano protagonista di una spinta un po' troppo vigorosa con tanto di colpo d'anca che fa letteralmente volare l'ex Spal. Per il direttore di gara non si tratta di fallo da rigore, e la situazione non cambia anche dopo il consulto con il Var (senza il ricorso al monitor a bordo campo). Un retroscena riportato da Sky parla di un dialogo tra Inzaghi e il quarto uomo all'inizio del secondo tempo, con il collaboratore dell'arbitro che ha ribadito che l'intervento è stato non considerato falloso. Restano tantissimi dubbi.

Lukaku-Sottil, c'è il fallo nell'avvio dell'azione del gol di Immobile

L'altro episodio molto dubbio, che ha fatto arrabbiare la Fiorentina e in primis Montella è arrivato in occasione del gol vittoria di Ciro Immobile. I giocatori di casa hanno protestato a lungo per un presunto fallo di Lukaku su Sottil in avvio d'azione. L‘intervento effettivamente sembra essere al limite con il belga che non tocca il pallone ma stende l'avversario con un contatto troppo deciso. Consulto durato più di 3′ tra l'arbitro Guida e Mazzoleni al Var, che però non ha prodotto cambiamenti nella valutazione iniziale del direttore di gara che ha convalidato il gol

Gli altri episodi da moviola di Fiorentina-Lazio

Giusto annullare il gol nel primo tempo a Ciro Immobile, così come il convalidare la rete di Correa. Un gol inizialmente annullato su segnalazione del guardalinee, con l’arbitro che ha poi fatto dietrofront su segnalazione del Var. Nel finale il direttore di gara non ha sbagliato ad estrarre il secondo giallo a Ranieri, espulso per aver parato una conclusione di Luis Alberto (concesso il rigore alla Lazio, poi sbagliato da Caicedo)