Gonzalo Higuain ha esordito nella sua nuova realtà calcistica, la MLS, la lega statunitense e non è andata per nulla bene. Il Pipita è stato al centro di una rissa, dopo aver sbagliato un rigore, vittima dell'esultanza degli avversari che lo hanno irriso, scatenando la rabbia dell'ex Juventus. Un debutto da dimenticare per l'attaccante argentino che così inizia come peggio non poteva immaginare il suo nuovo corso Oltreoceano.

L'Inter Miami, il cui proprietario è l'ex Spice Boy del calcio internazionale, David Beckham ha rimediato una figuraccia imbarazzante uscendo dal campo del Philadelphia con le ossa rotte: 3-0. La franchigia di Miami ha subito puntato sui nuovi acquisti, Higuain e Matuidi, entrambi provenienti dalla Juventus ma poco è valso. E quando l'argentino ha avuto tra i piedi la palla che poteva anche cambiare il corso degli eventi, ha fallito. Un rigore che Higuain ha calciato malissimo, spedendo la palla a lato, senza nemmeno inquadrare la porta avversaria.

Un errore che ha condannato il Miami e ha fatto esultare (troppo, come si evince dalle immagini) i giocatori in campo di Philadelphia che hanno iniziato ad esultare proprio ad un centimetro dall'argentino che, indispettito, ha avuto un acceso faccia a faccia venendo subito circondato. Attimi di tensione per un momento che poi è svanito senza importanti conseguenze disciplinari. Ma che conferma il momento no del Pepita, chiamato a fare la differenza ma non in grado di essere decisivo come avrebbe voluto.

L'Inter Miami, neo società della MLS, sta pagando carissimo la mancanza di esperienza: dopo 14 partite ha rimediato solamente 11 punti in classifica e oggi si ritrova all'ultimo posto. Una partenza pessima che i nuovi innesti di mercato avrebbero dovuto permettere di cambiare il trend. Al momento solamente sulla carta.