Arkadiusz Milik era stato comprato dal Napoli nel 2016 quando tutto l'ambiente partenopeo era ancora scosso dalla cessione clamorosa di Higuain alla Juventus rivale. Quattro anni duri, fatti di tante risalite dopo gli infortuni e gioie per i tifosi del Napoli che solo nell'ultima annata appena trascorsa, hanno potuto vedere in campo un giocatore cambiato già con la testa lontano dalla Campania. Il mercato sembrava riservargli ancora la Serie A nel suo futuro: Juventus in primis, ma anche Roma. Con i bianconeri e i giallorossi che avrebbero anche trovato subito l'accordo con il giocatore.

Il filo conduttore dei due club era Edin Dzeko che sarebbe dovuto andare alla Juventus con lo stesso Milik pronto a rimpiazzarlo nella squadra di Fonseca. Ma ora tutto sta cambiando: i bianconeri hanno virato su Suarez proprio perché tra Roma e Napoli non si trovava l'accordo che avrebbe poi portato di conseguenza il bosniaco a Torino e il polacco nella Capitale. De Laurentiis ha spinto per ottenere un conguaglio di 20 milioni nello scambio con Ünder, il quale, dopo l'infortunio di Zaniolo, non sarebbe stato più messo in uscita dai giallorossi. Complicando ulteriormente le cose.

Milik rischia un anno in tribuna: prigioniero di Juventus, Roma e Napoli

Proprio a fronte di ciò la Juventus si sta guardando intorno per dare nelle mani di Pirlo subito l'attaccante che manca ai bianconeri (anche in termini di numero dato l'addio di Higuain). E allora ecco perché nel corso degli ultimi giorni sono usciti i nomi di Suarez, Morata e Giroud con Cavani nell'ombra. Fonseca non avrebbe alcun problema a tenersi Dzeko in squadra e l'unico scontento rimarrebbe lo stesso Milik, prigioniero di un inghippo di mercato che gli potrebbe costare un anno in tribuna.

Certo anche il Napoli avrebbe da recriminare dato che dalla cessione del polacco avrebbe potuto permette agli azzurri di incassare milioni di euro importanti per cercare di regalare a Gattuso quel centrocampista che cerca e quel centrale in difesa pronto a subentrare all'imminente addio di Koulibaly. Ciò che è certo è che Milik non rientra nei piani di Gattuso e della società in rotta con il giocatore. E poi numericamente in attacco gli azzurri hanno grande abbondanza se si considera che in rosa c'è anche Llorente (un altro giocatore pronto ad andare via).

Milik guadagna 2,5 milioni netti a stagione e a giugno del 2021 scadrà il suo contratto con il Napoli. Il giocatore sicuramente non potrà permettersi di trascorrere una stagione senza giocare, specie in vista dell'Europeo. E così si profila una cessione all'estero se le due società, anche negli ultimi giorni di mercato, non dovessero riuscire a trovare una soluzione. In caso contrario, almeno fino a gennaio, sarebbe ‘prigioniero' di uno strano triangolo di mercato nonostante gli accordi già raggiunti con Juventus e Roma.