Reduce una stagione a metà tra Milan ed Hertha Berlino, dove ha segnato solo 10 gol complessivi tra Serie A e Bundeslisga, Krzysztof Piatek sarebbe entrato nel mirino della Fiorentina di Rocco Commisso. Come riportato dal quotidiano toscano ‘La Nazione', il centravanti polacco è infatti uno di quei giocatori sui quali sta puntando il direttore sportivo Daniele Pradè, che nei giorni scorsi si sarebbe già messo in contatto con l'Hertha per intavolare la presunta trattativa.

Dopo averlo acquistato lo scorso gennaio per circa 25 milioni di euro, il club tedesco non avrebbe problemi a far partire il ‘pistolero' ex Genoa sulla base di una cifra di poco superiore ai 20 milioni. Incassato l'ok a trattare, ora la Fiorentina dovrà trovare l'intesa per la formula di pagamento, che potrebbe essere quella di un prestito oneroso con riscatto obbligatorio spostato al 2021. Tra i dettagli che i viola dovranno inoltre discutere c'è anche quello dell'ingaggio di Piatek: attualmente di 3 milioni più bonus a stagione.

Le alternative a Piatek

L'obiettivo della dirigenza e del tecnico Beppe Iachini è quello di ricomporre la fortunata coppia d'attacco Kouamé-Piatek, che aveva già fatto vedere ottime cose durante l'esperienza al Genoa dei due attaccanti. In caso di clamoroso ritorno in Italia, il polacco troverebbe inoltre a Firenze l'ex compagno rossonero Patrick Cutrone e magari anche Lucas Paquetà: obiettivo di mercato dei gigliati, e arrivato al Milan insieme a lui nel gennaio del 2019.

Secondo indiscrezioni rimbalzate da Firenze, Pradè e gli uomini mercato della Fiorentina avrebbero inoltre già pensato alle alternative in caso di mancato acquisto di Piatek. Di fronte alla richiesta di un grande bomber avanzata da Iachini, la società avrebbe infatti inserito nella lista di attaccanti anche i nomi di Andrea Belotti, Mario Mandzukic e Marcus Thuram: giocatore del Borussia M'gladbach e figlio dell'indimenticato Lilian.