Anche l'Inter al tempo del Covid paga un tributo salato alla pandemia. La società nerazzurra ha approvato un bilancio in passivo do oltre 100 milioni di euro. nella nota emessa dal club si legge però un velato ottimismo per il futuro: "In un contesto straordinario caratterizzato dagli effetti della pandemia da Covid-19, il consolidamento del fatturato conferma la stabilità economico-finanziaria del Club. Performance sportive in crescita"

Il bilancio dell'esercizio finanziario 2019/2020 è stato pesantemente condizionato anche in casa interista dalla diffusione del coronavirus che ha determinato – in negativo – le entrate economiche anche se non le prestazioni sportive: secondo posto in campionato e finale di Europa League hanno infatti segnato una crescita evidente nei risultati del campo.

La nota peggiore è legata alle finanze: l'Inter ha chiuso il bilancio al 30 giugno 2020 con una perdita pari a 102,4 milioni di euro. L'esercizio 2019/2020 ha registrato una diminuzione dei ricavi di circa 45 milioni di euro, con il dato consolidato che si attesta a quota 372,4 milioni, con un Ebitda pari a 14,5 milioni.

Le note positive, in un contesto generale difficilissimo, però, non mancano. Finchè non si è deciso a giocare a porte chiuse, i tifosi nerazzurri sono stati i più assidui a frequentare le tribune di San Siro per le partite casalinghe: "Per la quinta stagione consecutiva, il grande calore del pubblico interista ha dimostrato di non avere pari in Italia: quasi 800.000 spettatori hanno assistito alle nostre gare casalinghe in sole 12 partite giocate a porte aperte, con una media di 65.800 tifosi per gara, record stagionale in Serie A e dato in crescita del +7%"

Oltre al pubblico, anche il brand nerazzurro non ha subito forti ridimensionamenti per il Covid 19: "Il Brand nerazzurro  – si legge nella nota ufficiale – si è nuovamente confermato nella top 15 tra i brand calcistici con più valore al mondo (14° posizione, €466 milioni), scalando ben 15 posizioni dal 2016 con una crescita di oltre il 235% in cinque anni"

Per le strategie di comunicazione e di investimento a lungo termine, anche in questo caso i riscontri sono positivi: c'è stato "un significativo incremento dei follower sui diversi canali digitali, cresciuti del 72% rispetto al 2018/19 a 38,8 milioni" mentre sul fronte infrastrutture si sottolinea come "il progetto infrastrutturale più importante è quello per il nuovo Distretto di San Siro, un investimento da €1,2 miliardi per uno stadio moderno, innovativo, sostenibile e un’area rinnovata e viva tutti i giorni dell’anno."