107 CONDIVISIONI
31 Agosto 2022
8:21

La mascotte impudente sfotte il capitano del Chelsea, gli fa uno scherzo senza vergogna

Lo sfotto’ beffardo della mascotte del Southampton è la sintesi perfetta della partita del Chelsea contro i Saints. L’episodio avviene nel tunnel che conduce verso il campo, a pochi attimi dal fischio d’inizio. La vittima è Azipilicueta.
A cura di Maurizio De Santis
107 CONDIVISIONI
L’impudenza della giovane mascotte dei Saints nei confronti di Azpilicueta del Chelsea.
L’impudenza della giovane mascotte dei Saints nei confronti di Azpilicueta del Chelsea.

Irriverente. Dispettoso. E anche un po' sfacciato. Il bambino che ha preso in giro Cesar Azpilicueta a pochi minuti dal calcio d'inizio tra Southampton e Chelsea è la sintesi perfetta della giornata beffarda dei Blues. passano in vantaggio, subiscono rimonta e sorpasso nel giro di una mezzora, sono incapaci di recuperare il match e tornano a casa con una sconfitta sul groppone che pesa come un macigno.

L'episodio accaduto nel corridoio che conduce verso il terreno di gioco non è sfuggito alle telecamere che mostrano al pubblico, passo dopo passo, i momenti salienti del pre-partita. Le squadre schierate in due file alle spalle degli arbitri. Dinanzi a tutti ci sono i capitani e i ragazzi che fanno da mascotte e per una serata possono vedere lo strano effetto che fa calpestare l'erba e respirare quell'atmosfera ‘elettrica' prima del fischio d'inizio.

C'è chi reagisce con emozione ed è talmente sopraffatto da restare a bocca aperta quando si trova accanto ai calciatori che vede abitualmente solo in Tv. E poi c'è chi, come il ragazzino che indossa la casacca dei Saints, esorcizza alla sua maniera quegli attimi.

La sequenza delle immagini è molto breve, il video dura appena un paio di secondi. Ma in quella frazione di tempo c'è tutto: si notano Cucurella, Thiago Silva, Loftus-Cheek che attendono il cenno del direttore di gara; arriva Koulibaly, ex Napoli, che dà la mano ai compagni di squadra; poi c'è Azpilicueta che fa un profondo respiro e serra gli occhi. A modo suo sta raccogliendo le energie nell'immediata vigilia del match ma quel tentativo di concentrazione viene disturbato.

La sua sagoma s'intravede dietro uno degli assistenti dell'arbitro. Ed è in quell'istante che entra in scena il ragazzino impudente e giocherellone. Non gli sembra vero di trovarsi lì, in mezzo a quei colossi. Ai suoi, quelli del Southampton, non dedica nemmeno uno sguardo. Sorride e dà un'occhiata a quelli avversari. Li scruta, cerca il capitano e quando si accorge di averlo a portata di mano gli fa uno scherzo.

Il ragazzino fa uno scherzo al calciatore e, soddisfatto, si fa beffe di lui facendogli marameo.
Il ragazzino fa uno scherzo al calciatore e, soddisfatto, si fa beffe di lui facendogli marameo.

La giovane mascotte richiama l'attenzione del difensore del Chelsea e gli tende la mano. Azpilicueta si accorge di lui con la coda dell'occhio e non nega la stretta. Lo fa con compiacimento ma resta freddato dalla reazione del ragazzino che tira via la mano e gli fa marameo soddisfatto mentre il giocatore resta con un palmo di naso. Dentro e fuori dal campo, per lui e i Blues è stata una serata da dimenticare.

107 CONDIVISIONI
Entra in campo con le cuffie, come la mascotte: Cooper è commovente, un capitano vero
Entra in campo con le cuffie, come la mascotte: Cooper è commovente, un capitano vero
Podolski riemerge dall'oblio a 37 anni: segna un gol pazzesco dalla propria metà campo
Podolski riemerge dall'oblio a 37 anni: segna un gol pazzesco dalla propria metà campo
La palla va sempre in calcio d'angolo, giocatori senza vergogna: sono pagati dagli scommettitori
La palla va sempre in calcio d'angolo, giocatori senza vergogna: sono pagati dagli scommettitori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni