1.713 CONDIVISIONI
23 Novembre 2022
14:13

La clamorosa protesta della Germania ai Mondiali: foto di squadra contro la censura in Qatar

Mani sulla bocca, è la clamorosa forma di protesta della Germania che posa così per la foto di rito prima della partita col Giappone. Nel messaggio pubblicato dalla federazione a corredo di quell’iniziativa ‘rumorosa’ c’è la sintesi perfetta di quell’atteggiamento: i diritti umani non sono negoziabili.
A cura di Maurizio De Santis
1.713 CONDIVISIONI
I calciatori della Germania con le mani davanti alla bocca per protestare contro la censura della Fifa e del Qatar.
I calciatori della Germania con le mani davanti alla bocca per protestare contro la censura della Fifa e del Qatar.

Mani sulla bocca, è la clamorosa forma di protesta della Germania che posa così per la foto di rito prima della partita dei Mondiali con il Giappone. Imbavagliati, così si mostrano i calciatori tedeschi: lo fanno per accendere i riflettori contro la censura imposta perché in Qatar certi argomenti, come la questione dei diritti civili, umani e della condizione dei lavoratori, sono considerati tabù, qualcosa di perseguibile per legge.

Il muso nascosto dietro le dita non è una maschera ma la reazione tangibile, concreta, diretta di una nazionale che ha scelto un gesto eclatante affinché il caso non passi sotto traccia. Perché lo ha fatto? È rivolto (anche) alla Fifa e alla minaccia di sanzioni sportive qualora il capitano, Manuel Neuer, avesse utilizzato la fascia One Love.

Nel messaggio pubblicato dalla federazione a corredo di quell'iniziativa ‘rumorosa' c'è la sintesi perfetta di quell'atteggiamento: i diritti umani non sono negoziabili – è l'incipit efficace del comunicato -, questo dovrebbe essere assodato ma sfortunatamente non lo è ancora. E negare quella stringa che fa riferimento alle sfumature della bandiera arcobaleno (icona della comunità LGBTQIA+) equivale a tappare la bocca.

Con la nostra fascia di capitano – si legge nella nota ufficiale dei tedeschi – abbiamo voluto dare l'esempio ai valori che viviamo in nazionale: diversità e rispetto reciproco. Sii forte insieme alle altre nazioni. Questo non è un messaggio politico: i diritti umani non sono negoziabili. Questo dovrebbe essere ovvio. Sfortunatamente, non lo è ancora. Ecco perché questo messaggio è così importante per noi. Vietare quella fascia è come mettere la museruola davanti alle nostre bocche. La nostra posizione è legittima.

Il ministro dell’Interno tedesco, Nancy Faeser, indossa la fascia One Love. Un gesto che dà forza alla protesta della nazionale.
Il ministro dell’Interno tedesco, Nancy Faeser, indossa la fascia One Love. Un gesto che dà forza alla protesta della nazionale.

A dare maggior forza alla posizione presa dalla Germania (che s'è detta pronta anche a portare in tribunale la stessa Fifa) è stata anche Nancy Faeser, ministro dell'Interno del governo Scholz. Era seduta in tribuna accanto al presidente della federcalcio, Bernd Neuendorf, e al braccio recava la fascia della discordia.

La Germania è stata una delle nazionali "avvisate" dalla Fifa: i suoi giocatori sarebbero incappati in sanzioni sportive (ammonizioni) se avessero violato il regolamento sull'attrezzatura tecnica e le divise. L'unica fascia ammessa, in alternativa a quella tradizionale di capitano, è una di quelle ufficiali indicate dalla Federazione internazionale in occasione dei Mondiali in Qatar. Qualsiasi altra sarebbe stata considerata illegittima.

Il portiere e capitano della Germania, Manuel Neuer, alla verifica dell’assistente dell’arbitro prima del match.
Il portiere e capitano della Germania, Manuel Neuer, alla verifica dell’assistente dell’arbitro prima del match.

Ecco perché c'è stata grande attenzione al momento dell'ingresso in campo delle selezioni. Nonostante la regia abbia staccato le immagini, rendendo invisibile la reazione dei calciatore tedeschi, c'era un altro dettaglio che non è passato inosservato. Cos'è quella fascia che spunta dalle maniche della divisa? Manuel Neuer ha indossato davvero quella "One Love" proibita? Oppure ha messo al braccio una di quelle ‘lecite'?

C'è stato solo un attimo per intravedere se il portiere della Germania avesse mantenuto fede alla propria coerenza, senza piegarsi al diktat che aveva ‘scomunicato' quella banda che richiama i colori della bandiera arcobaleno: quando l'assistente dell'arbitro ha verificato pochi istanti prima del fischio d'inizio che fosse tutto in regola, chiedendo al calciatore di mostrarla e tenerla sopra la maglietta, non nascosta dalla manica. Tutto come da protocollo (e da censura).

1.713 CONDIVISIONI
Stramaccioni sbarca su DAZN, nuovo ruolo in TV dopo il boom ai Mondiali in Qatar
Stramaccioni sbarca su DAZN, nuovo ruolo in TV dopo il boom ai Mondiali in Qatar
Mano pesante della FIFA per i calciatori dell'Uruguay:
Mano pesante della FIFA per i calciatori dell'Uruguay: "Dovranno svolgere servizi per la comunità"
Richarlison perde il senso della misura:
Richarlison perde il senso della misura: "Uscire col Brasile è stato peggio che perdere un familiare"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni