L’Inter ha chiuso una settimana negativa pareggiando 1-1 con la Fiorentina. Un pari che brucia, i nerazzurri hanno dominato, hanno sciupato tantissime occasioni, prima di essere agganciati da Vlahovic al 92’. Conte i suoi non sono riusciti a sorpassare nuovamente la Juventus. Nerazzurri e bianconeri sono appaiati in testa alla classifica con 39 punti. La Juventus in realtà sarebbe prima, avendo vinto lo scontro diretto, ma in realtà è seconda, come si nota anche guardando la graduatoria ufficiale della Lega Serie A in cui l’Inter è al primo posto. Non è un errore. Perché nel girone d’andata classifica è definita da un algoritmo diverso.

L’algoritmo che definisce la classifica della Serie A

Il testa a testa tra Inter e Juventus è molto avvincente, fino a domenica sera c’era sempre stata una squadra davanti e una a inseguire. Adesso le squadre di Sarri e Conte sono affiancate, entrambe hanno 39 punti (12 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, il bilancio per entrambe). La Juve ha vinto la sfida di San Siro per 2-1 e per la grande parte degli appassionati in questo momento è in testa, perché, come noto, in caso di parità punti la prima pregiudiziale è lo scontro diretto. Ma osservando la classifica anche sul sito della Lega di Serie A si vede l’Inter davanti.

L’Inter precede la Juve in classifica

Perché l’Inter è davanti? Non è un errore, ma è così per via di un algoritmo che vale fino al termine del girone d’andata. Tra le varie discriminati in questa prima metà di campionato non c’è quella relativa allo scontro diretto, ma conta la differenza reti, nettamente favorevole all’Inter (+18 contro +13). Non essendoci stato il secondo scontro diretto il ‘cervellone’ non può recepire il principio dello scontro diretto e quindi fino a quando non inizia il girone di ritorno la regola degli scontri diretti non viene presa in considerazione. Per questo motivo dunque l’Inter precede la Juventus, nonostante gli stessi punti e la partita persa a San Siro due mesi e mezzo fa.