L'eliminazione dal girone di Champions e la retrocessione in Europa League sono un boccone amaro per l'Inter. Se fosse approdata agli ottavi di finale la possibilità di avere in nerazzurro Vidal, un fedelissimo di Conte, sarebbero aumentate. Lo stop in casa contro il Barcellona e la conseguente esclusione dal palcoscenico dorato della Coppa non ridimensiona i piani di mercato del club ma un po' restringe il campo degli obiettivi. A centrocampo s'interverrà ed è necessario farlo anche a causa dell'emergenza infortuni che sottrae alternative tattiche e numeriche a una squadra ancora in ballo su più fronti: la corsa scudetto estenuante contro la Juventus, la Coppa Italia e infine l'Europa League che è una ribalta da non sottovalutare per incamerare maggiori punti nel Ranking Uefa.

A centrocampo riflettori puntati su Amrabat

Chi può prendere l'Inter a centrocampo? Uno dei nomi che in queste sono stati accostati in queste ore è Sofyan Amrabat (calciatore nel mirino anche del Napoli). Non sarebbe però un'operazione per gennaio ma per giugno. Perché proprio lui? Oltre a essere una delle pedine più in evidenza della formazione di Juric, l'interesse per il mediano dell'Hellas matura anche alla luce dei buoni rapporti che vi sono tra i club (operazione Salcedo). Quanto costa? Una quindicina di milioni è la cifra che il Verona (pronto a riscattare il calciatore dal Bruge per 3.5 milioni) chiederà. Le qualità tecniche e le caratteristiche tattiche ne fanno un obiettivo da bloccare adesso per la fine della stagione.

Un nome per la difesa: Amir Rrahmani del Verona

Come rilanciato da Sky Sport, però, l'incontro fra Inter e il Verona ha visto quale oggetto della discussione anche altri due calciatori: uno è Kumbulla ma il nome che scalda di più l'attenzione dei nerazzurri è Rrahmani, il difensore del Kosovo classe 1995 è uno dei più presenti, interessanti e continui della stagione tra le fila dell'Hellas.