È arrivato il tanto atteso report ufficiale sulle condizioni di Zlatan Ibrahimovic dopo l'infortunio rimediato nel finale del match contro il Napoli. La risonanza effettuata oggi purtroppo per i rossoneri ha confermato i timori di ieri sera, evidenziando una lesione al bicipite femorale della coscia sinistra. Difficile stabilire al momento con certezza le tempistiche per il completo recupero del sempreverde bomber svedese che tra 10 giorni si sottoporrà a nuovi controlli.

Infortunio Ibrahimovic, le condizioni nel comunicato del Milan

Il Milan attraverso una nota ufficiale ha fatto il punto sull'entità dell'infortunio di Zlatan Ibrahimovic. Quest'ultimo grande protagonista nell'ultimo match contro il Napoli, con una doppietta è stato poi costretto ad alzare bandiera bianca per un fastidio accusato alla coscia sinistra. Dopo aver provato a restare in campo, Ibra si è accomodato in panchina con tanto di ghiaccio sul muscolo. Nel comunicato si legge: "Per Ibrahimovic lesione muscolo bicipite femorale della coscia sinistra". Confermata dunque la lesione, come si ipotizzava già nella tarda serata di ieri, con lo stesso Bonera che aveva aperto ad un possibile problema "serio" per un calciatore che altrimenti avrebbe fatto il possibile per restare in campo fino alla fine.

Quanto tempo dovrà stare fermo Ibrahimovic. I tempi di recupero

Di quanto tempo avrà bisogno Ibrahimovic per il completo recupero? Nella nota si legge che il centravanti si sottoporrà a nuovi controlli tra 10 giorni. Fino ad allora difficile stabilire le tempistiche precise per il ritorno in campo. Al momento sembra scontata l'assenza per due settimane, anche se lo stop potrebbe allungarsi fino ad un mese nella peggiore delle ipotesi anche alla luce dell'età non più giovanissima del bomber.

Quali partite salterà Ibrahimovic con il Milan

Certamente il Milan perderà Ibrahimovic per le partite di Europa League contro Lilla e Celtic, e di Serie A contro Fiorentina e Sampdoria. Difficile ipotizzare un rientro prima anche di Sparta Praga e Parma, con la speranza di Pioli che è quella di ritrovare il suo leader prima di Natale per le gare contro Genoa e soprattutto Sassuolo. I rossoneri però, già durante il periodo in cui Ibra ha dovuto fare i conti con il Covid hanno dimostrato di poter essere comunque competitivi.