"Il Genoa Cfc comunica che i primi dieci tesserati rossoblù che fino alla data del 28 settembre risultavano positivi, confermano la loro positività a un tampone eseguito nella giornata di ieri". Con questo comunicato il Genoa ha reso noto che il risultato dell'ultimo tampone è positivo per i primi dieci tesserati che sono stati contagiati e così la convalescenza sembra essere ancora lunga per i membri del club rossoblù che hanno contratto il Covid-19. Si tratta di Perin, Schone, Cassata, Lerager, Melegoni, Pellegrini, Pjaca, Radovanovic, Zappacosta e Marchetti. Il club ligure non è sceso in campo sabato pomeriggio contro il Torino proprio a causa dei numerosi casi di contagio da Coronavirus che erano stati riportati a cavallo del weekend precedente e nel corso della settimana appena conclusa.

Intanto oggi il tecnico Rolando Maran è sceso in campo per la seconda seduta consecutiva con il gruppetto di giocatori abilitati al lavoro nel rispetto delle normative del protocollo sanitario. I giocatori disponibili stanno recuperando la quotidianità all'allenamento, che è strettamente collegata agli esiti dei controlli a cui sono sottoposti gli atleti di continuo.

Come se non bastasse la situazione sanitaria difficile, il Genoa dovrà fare a meno dei nazionali che sono stati autorizzati a partire: si tratta di Goran Pandev, Gianluca Scamacca, Milan Badelj e Eldor Shomurodov (rientrato in Uzbekistan per risolvere questioni burocratiche per il trasferimento). Adesso bisognerà capire cosa accadrà anche a loro quando torneranno dagli impegni con le rispettive selezioni.

C'è grande tensione in casa Genoa per questa situazione e si sta cercando pian piano di tornare alla normalità, con la ripresa degli allenamenti; ma le antenne sono ben puntate sulle notizie che arrivano dai laboratori.