Paulo Fonseca ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della gara che ha visto sua Roma pareggiare 1-1 contro l'Ajax nel ritorno dei quarti di finale di Europa League e guadagnarsi l'accesso alla semifinale. Un gol di Dzeko ha permesso ai giallorossi di conquistare un pari che in certi frangenti sembrava potesse essere messo a rischio dal coraggio degli olandesi.

"Penso che abbiamo avuto più problemi ad Amsterdam – ha detto Fonseca – Oggi abbiamo controllato sempre bene l'Ajax e noi difensivamente abbiamo fatto una grande partita". Poi le domande sul futuro in giallorosso di cui tanto si parla in questo momento: "Non lo so, non è importante, sarò allenatore della Roma per le prossime partite – ha sottolineato – Non sono preoccupato sul mio futuro". Il tecnico portoghese ha parlato molto del fatto di essere orgoglioso di questa squadra per essere l'unica a rappresentare l'Italia in una competizione europea: "Sappiamo quello che stiamo facendo". 

Del suo futuro Fonseca non ha dunque voluto dire nulla, se non ribadire il concetto di essere lui adesso l'allenatore della Roma: "Quello che so è che in questo momento sono io il tecnico giallorosso per le prossime partite". E del rapporto con la società e con i Friedkin non si scompone: "La proprietà la sento sempre vicina alla squadra, lo stesso dei primi giorni da quando sono arrivati – ha evidenziato ancora – Non cambia il mio rapporto con la Roma dopo questa semifinale".

Sulla forza della squadra Fonseca poi non ha avuto dubbi ribadendo come i giallorossi abbiano affrontato un gruppo organizzato come l'Ajax: "Questa squadra ha molta qualità offensiva, ed è stato difficile affrontarli – ribadisce ancora il tecnico portoghese – Abbiamo fatto una partita ottima gestendola al meglio". Un'ultima battuta su Dzeko, autore del gol decisivo: "È motivato e sta lavorando bene con la squadra".