Un gol e un assist e l'ennesima ottima prestazione contro il Sassuolo confermano che Danilo è l'uomo in più della Juventus nella nuova era griffata Andrea Pirlo. Nella gara coi neroverdi il terzino brasiliano ha prima sbloccato il match con un potente diagonale e poi lanciato in profondità Cristiano Ronaldo in occasione della rete del 3-1 arrivata nei minuti finali, ma anche messo in campo l'ennesima ottima prestazione di questa sua stagione che lo vede tra gli "intoccabili" del nuovo allenatore bianconero.

Applicazione e sacrificio in fase difensiva (nella quale è migliorato tantissimo rispetto al suo primo anno a Torino) senza rinunciare ad una costante spinta offensiva che lo porta spesso al cross e questa sera gli ha permesso addirittura di siglare il suo terzo gol in Italia, il secondo al Sassuolo (la sua ultima marcatura prima di oggi risaliva infatti al match del Mapei Stadium contro la formazione di De Zerbi della scorsa stagione, e anche in quell'occasione segnò con un tiro da fuori area).

Ma c'è un altro dato che fotografa l'importanza di Danilo negli schemi tattici di Andrea Pirlo e della sua Juventus. Il 29enne ex Real Madrid e Manchester City infatti è il calciatore bianconero che ha effettuato il maggior numero di passaggi in questo campionato (al terzo posto tra i giocatori della Serie A) segno evidente della sua importanza e centralità nella fase di uscita e di costruzione dal basso della compagine piemontese. Ma non solo dato che, come dimostrato in occasione del perfetto lancio che ha permesso a Cristiano Ronaldo di segnare trovandosi a tu per tu con Consigli, anche le sue verticalizzazioni sono un'arma in più per la Juventus, un'arma della quale Andrea Pirlo non ha intenzione di fare a meno dato che Danilo è anche il giocatore più utilizzato dal tecnico bresciano in questa sua prima parte di stagione sulla panchina bianconera.