Il Borussia Dortmund si gode l’incredibile rendimento del 19enne Erling Haaland (8 reti tra Bundesliga e Coppa di Germania in appena 181 minuti giocati con la maglia giallonera), ma nel proprio settore giovanile ha già pronto il suo erede che non può esordire però in prima squadra a causa delle regole sull’età imposte dalla Deutscher Fußball-Bund, la Federcalcio tedesca. Si tratta di Youssoufa Moukoko, nato a Yaoundé (Camerun) il 20 novembre 2004, oggi 15enne in grado di segnare oltre 150 gol con le giovanili del BVB in appena tre anni  pur giocando con compagni e avversari molto più grandi di lui.

Moukoko stupisce anche in Primavera: è già a quota 28 gol

Già perché che Youssoufa Moukoko fosse di un altro livello rispetto ai propri coetanei a Dortmund se ne sono accorti immediatamente e così appena arrivato dal St. Pauli, a 12 anni, fu dapprima aggregato all’Under 15 (33 centri in 21 presenze) per poi passare  all’Under 17 con cui in due stagioni siglerà 90 gol in 56 partite. All’inizio di questa stagione il baby talento tedesco di origine camerunense ha fatto un ulteriore salto di categoria venendo inserito nella formazione Primavera per confrontarsi con calciatori nati per la stragrande maggioranza nel 2001. Anche in questo caso l’impatto di Youssoufa è stato devastante: ad oggi il suo score è di 28 reti e 8 assist in 22 apparizioni tra campionato, coppa di categoria e Youth League.

I dubbi sull’età: dal Camerun confermano sia un 2004

Ad aiutare il classe 2004 con avversari più grandi di lui c’è l'ottimo fisico (altezza: 1,77 m; peso: 64 Kg), la grande tecnica, la sorprendente velocità unita all’elevata esplosività muscolare oltre ad una incredibile maturità calcistica. Tutti segnali che nel corso di questi ultimi anni hanno fatto sorgere diversi dubbi intorno alla sua vera età (è già capitato in passato che calciatori nati in Africa fossero stati registrati all’anagrafe anni dopo esser nati e risultare dunque più giovani nei documenti d’identità). Dubbi che però sono stati messi a tacere dal Consolato tedesco in Camerun che ha un regolare certificato di nascita che conferma che Moukoko è nato il 20 novembre 2004.

Uno sponsor da top: un milione all'anno fino al 2029 dalla Nike

Non si è fatta condizionare da tali dubbi la Nike che, considerandolo la più grande stella nascente del panorama calcistico internazionale, nell’aprile del 2019 lo ha immediatamente bloccato, facendogli firmare un contratto di sponsorizzazione da 1 milione di euro all'anno per 10 anni a cui si potranno aggiungere ulteriori bonus già previsti nell’accordo (come per l’esordio in Prima Squadra o in nazionale maggiore). Una cifra astronomica per un ragazzino di soli 14 anni (tanti ne aveva al momento della firma col colosso statunitense) che è già stato dunque designato come un “crack” predestinato.

La Federcalcio tedesca pensa di cambiare le regole per anticipare il debutto in Bundesliga

Che non si tratti di un ragazzino come gli altri se ne è accorta anche la Federcalcio tedesca che, dietro richiesta del Borussia Dortmund, sta prendendo in seria considerazione di cambiare la regola che vieta ai calciatori di firmare un contratto professionistico e di debuttare in Bundesliga prima di aver compiuto il 17° anno di età, la norma dunque che blocca al momento l’approdo di Youssoufa Moukoko in prima squadra. Se ciò non dovesse avvenire, se dovesse quindi esser mantenuto inalterato il regolamento vigente, il giovane talento dovrà attendere ancora due anni prima di poter esordire nel massimo campionato tedesco e i tifosi gialloneri dovranno dunque attendere ancora due anni per poter vantare un tridente di millenials da sogno, cioè con il classe 2004 Moukoko affiancato dai due “veterani” classe 2000 Halaand e Sancho, che potrebbe garantire vagonate di gol al club per oltre un decennio.