Sandro Tonali diventerà nei prossimi giorni un nuovo giocatore del Milan. Trattativa chiusa tra il Brescia e il club rossonero, che ha sfruttato la volontà del ragazzo di approdare alla corte di Pioli con buona pace dell'Inter, altro club molto interessato alle sue prestazioni. Il patron delle Rondinelle Massimo Cellino nel frattempo è tornato a parlare del suo pupillo rivelando di aver rifiutato una super offerta del Barcellona, e anche più recente del Manchester United.

Massimo Cellino nel corso della trasmissione QSVS in onda su Telelombardia e Top Calcio 24 è tornato a parlare di Sandro Tonali, per il quale manca solo l'ufficialità del trasferimento al Milan. Il presidente del Brescia ha rivelato di aver ricevuto offerte molto più alte rispetto a quella dei rossoneri (complessivamente da 35 milioni di euro) che hanno sfruttato la volontà del giocatore: "Le cifre uscite sono quelle corrette. A gennaio abbiamo ricevuto un'offerta di 65 milioni di euro dal Barcellona, non più tardi di dieci giorni fa abbiamo ricevuto un'offerta di 10 milioni più alta di quella del Milan dal Manchester United, ma il ragazzo era determinato ad andare in rossonero".

E l'Inter? Nelle scorse settimane il club nerazzurro sembrava avere in pugno Tonali. A detta di Cellino, Conte avrebbe voluto fortemente il classe 2000 che però non ha voluto prendere in considerazione altre destinazioni dopo l'interesse del Milan. Il patron del Brescia non lesina una stoccata all'attuale Inter: "Tempi lunghi con l'Inter? Io ero abituato a trattare con l'Inter di Moratti. Oggi pur essendoci Marotta e Ausilio, non vedo più l'anima dell'Inter di un tempo, quella passione che da bambino mi aveva fatto innamorare del club nerazzurro. So che Conte ha pensato molto a Tonali – ha aggiunto il patron del Brescia – e anche io ero convinto che andasse all'Inter, ma il ragazzo a un certo punto non ha voluto più sentire nulla ed è andato al Milan".