199 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Bentancur vede il suo numero sulla lavagnetta, deve uscire: è accecato dalla rabbia, reazione furibonda

L’ex centrocampista della Juventus prende malissimo la sostituzione avvenuta al 10° della ripresa. I compagni di squadra fanno fatica a calmarlo, l’argentino quasi spacca il sediolino con un calcio.
A cura di Maurizio De Santis
199 CONDIVISIONI
Immagine

La reazione furibonda di Rodrigo Bentancur al momento della sostituzione descrive tutta la frustrazione del calciatore scontento per il cambio e fuori dai gangheri per non essere riuscito a incidere (forse) come avrebbe voluto. L'ha presa malissimo, gesticolando e sbraitando in maniera palese, lasciando senza parole perfino il telecronista che con "ohhh" e un tono di voce a metà tra il biasimo e la sorpresa per un atteggiamento del genere taglia a fette la tensione di quel momento.

L'ex centrocampista della Juventus è stato richiamato in panchina al 10° della ripresa poco dopo che il Manchester City era passato in vantaggio con Haaland, trovando finalmente la rete dopo i salvataggi miracolosi di Vicario e un intervento altrettanto prodigioso di Dragusin.

Quella porta sembrava stregata, almeno fino a quando l'attaccante norvegese onn ha spazzato via la maledizione e il nervosismo che monta per non riuscire a mettere dentro un pallone pesante, che sposta gli equilibri per la conquista del titolo in Premier League. Al manager del Tottenham, Postecoglou, deve essere sembrata la cosa migliore da fare: richiamare in panchina l'argentino per mettere in campo un giocatore capace con i suoi guizzi di colpire la sua vittima preferita… la squadra di Guardiola.

Immagine

Fino alla gara di questa sera, su quattro incontri disputati in Premier League, l'esterno svedese ha segnato per 3 volte ai Citizens. Andando a ritroso nel tempo in questa stagione ha graffiato gli avversari in occasione del 3-3 dell'andata (14ª giornata), in quella scorsa ha lasciato il segno alla 7ª (rendendo meno pesante il ko degli Spurs, battuti 4-2). Prima ancora, nell'anno del debutto (26ª giornata) ha messo la firma in calce al 2-3 dei londinesi. Postecoglou si è aggrappato anche a questo pur di rimontare un risultato che è stato sempre in bilico.

A Bentancur non importa, è accecato dalla rabbia. E manifesta il suo stato d'animo con irruenza. Prima si avvicina al sediolino del box riservato al Tottenham e sferra un calcio così forte da quasi danneggiare la suppellettile. Ne dà un altro e un altro ancora, sotto gli occhi allibiti dei compagni di squadra. Poi si gira e sembra volersi sedere. Invece no: raccoglie una bottiglietta d'acqua da terra e la scaglia sul prato con violenza. È una furia. Chi gli è vicino gli sussurra qualcosa perché si calmi ma lui non vuole sentire ragioni. Passato quel momento di follia, tiene il capo chino: si slaccia gli scarpini, li toglie con disappunto.

199 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views