Non smette di stupire Ansu Fati. Il giovane prodigio del Barcellona è diventato il marcatore più giovane nella storia del Clasico grazie alla rete che ha portato la squadra catalana al pareggio per 1-1 dopo il gol subito dal Real Madrid pochi minuti prima. Il calciatore spagnolo classe 2002 è ora il più giovane marcatore nella storia del Barcellona, nella storia della nazionale spagnola e nella storia della Champions League. Numeri niente male per questo giovanotto, che è un perno inamovibile del presente e del futuro del Barça.

Quello segnato nel Clasico è il quarto gol nella Liga per Ansu Fati, che è certamente l'uomo più decisivo della squadra di Ronald Koeman in questo inizio di stagione e ha lasciato il suo timbro anche nel match più importante di Spagna: il numero 22 ha insaccato alle spalle di Courtois su assist dalla sinistra di Jordi Alba e rimesso in equilibrio il match che vedeva i blaugrana in svantaggio dopo pochi minuti. Fati aveva ricevuto anche il premio come miglior calciatore della Liga nel mese di settembre.

Nelle scorse ore Ansu Fati è stato il protagonista di una brutta vicenda di razzismo a causa dell'articolo scritto dal giornalista di ABC, Salvador Sostres, che si è lasciato andare in una “descrizione” delle doti atletiche della giovane stella del Barcellona. Il club ha fatto sapere che ricorrerà per vie legali contro il ‘periodista'.

L'ennesima buona prestazione del 17enne non è bastata al Barça per evitare la sconfitta nel Clasico per mano della squadra di Zinedine Zidane: dopo il pareggio di Ansu Fati alla rete Federico Valverde sono arrivati i gol di Sergio Ramos e Luka Modric a decretare la vittoria dei merengues. Una brutta sconfitta per i culé, che avevano perso nel match precedente contro il Getafe, e con questa gara il totale dei Clasicos senza vittorie sale a tre.

(in aggiornamento)