Golden State Warriors non ha più voglia di fermarsi e dopo il primo successo contro i Chicago Bulls, ha trovato la vittoria anche contro Detroit Pistons. Protagonista, neanche a dirlo, Steph Curry, che è stato autore di 31 punti con 9/17 dal campo, cinque triple, cinque rimbalzi, sei assist e un paio di recuperi. Nella notte NBA, successo anche per i Philadelphia 76ers che battono i Toronto Raptors ancora concretizzare le tante occasioni create e sfruttare al meglio l'ottima difesa a protezione del ferro.

Purtroppo per loro, per la terza volta l’appuntamento con il primo successo stagionale è rimandato. Vince anche Boston che contro i Pacers, a due giorni di distanza dalla sconfitta subita per mano di Domantas Sabonis, riesce a rimontare la bellezza di 17 lunghezze di svantaggio e a portare a casa il secondo successo in quattro gare. Senza storia invece la gara tra i Milwaukee Bucks e Miami, con questi ultimi travolti immediatamente in una partita mai in discussione per Milwaukee che centrano anche un nuovo record in gara.

Milwaukee da record contro gli Heat: vince anche New York Knicks

Se non fosse per la serata storta di Giannis Antetokounmpo, che con soli 9 punti è stato l'unico dei Bucks a mancare l’appuntamento da oltre l’arco, potremmo dire che quella di Milwaukee è stata la serata perfetta. Contro i Miami Heat arriva un successo con il punteggio di 97-144 per i Bucks che mettono a segno la bellezza di 29 triple con 12 giocatori diversi. Un vero e proprio record: battute le 27 raccolte da Houston contro Phoenix nell’aprile 2019. Miglior marcatore Khris Middleton con 25. Julius Randle ha chiuso la sfida tra New York Knicks e Cleveland con 28 punti, 12 rimbalzi e 11 assist costringendo i Cavaliers al primo ko quest’anno per 95-86.

Sconfitta contro Phoneix per i Pelicans di Niccolò Melli

Detto dei Toronto Raptors, ancora battuti per la terza volta consecutiva, con il conseguente terzo successo di fila dei Sixers con il punteggio di 100-93, la notte di Niccolò Melli con i New Orleans Pelicans non è andata benissimo, nonostante gli 8 rimbalzi che però non hanno consentito di battere i Phoenix Suns che si impongono con un perentorio 111-86. Con Steph Curry miglior marcatore con 31 punti nel successo, Golden State Warriors è riuscita a battere Detroit con il punteggio di 106 a 116 per i Warriors. Vittoria anche per Boston che vincono contro Indiana per 116-111. Una gara in rimonta che ha visto i Celtics a lungo in svantaggio prima di vincere con il risultato finale di 111-116.

Le altre gare della notte: primo successo per i Chicago Bulls

Nella altre gare della notte vincono i Los Angeles Clippers contro Minnesota con un netto 124-101 trascinati dai 20 punti segnati da Lou Williams. Tornano al successo i Chicago Bulls che mettono a segno il primo successo stagionale contro Washington che resta ancora a secco. Gli Orlando Magic continuano invece il loro momento positivo con la quarta vittoria su quattro gare: ancora una volta deciso Nikola Vucevic che con 28 punti schianta Oklahoma City. Cedono in casa dei Sacramento Kings i Nuggets a cui non bastano i 30 punti realizzati da Porter e gli 11 rimbalzi e 12 assist di Jokic.

I risultati delle partite di NBA

Phoenix Suns-New Orleans Pelicans 111-86
Los Angeles Clippers-Minnesota Timberwolves 124-101
Washington Wizards-Chicago Bulls 107-115
Oklahoma City Thunder-Orlando Magic 107-118
Sacramento Kings-Denver Nuggets 125-115
Cleveland Cavaliers-New York Knicks 86-95
Philadelphia Sixers-Toronto Raptors 100-93
Detroit Pistons-Golden State Warriors 106-116
Indiana Pacers-Boston Celtics 111-116
Miami Heat-Milwaukee Bucks 97-144