4.373 CONDIVISIONI

Laura Pausini: “Non ho cantato Bella Ciao per non essere strumentalizzata in campagna elettorale”

“Vorrei esporre il mio punto di vista dopo le polemiche di questi giorni”, spiega Laura Pausini intervenuta su Twitter. “Ho scelto di non cantare Bella Ciao per evitare di essere trascinata e strumentalizzata in un momento di campagna elettorale così acceso e sgradevole”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Giulia Turco
4.373 CONDIVISIONI
Immagine

Il messaggio di Laura Pausini è molto chiaro: non volevo finire in pasto alle polemiche, strumentalizzata nel calderone di una campagna elettorale con la quale la mia musica non c'entra assolutamente nulla. Dopo giorni di ribattute dal mondo della musica e non solo sul caso avvenuto in una tv spagnola, dove Pausini si è rifiutata di intonare il motivetto di Bella Ciao, la cantante si trova a dover dare nuovamente spiegazioni.

Il chiarimento di Laura Pausini

È evidente che ad un'artista come Laura Pausini, tra le colonne portanti della musica italiana dei nostri tempi (per di più romagnola), non si possa dire di non conoscere il senso e il valore legato ad un brano popolare come Bella Ciao. Evidentemente però, per mettere a tacere le parole di chi nelle ultime ore sta intervenendo puntandole il dito, la cantante si trova costretta a ribadire le sue posizioni. Così torna su Twitter per dire:

Vorrei esporre il mio punto di vista dopo le polemiche di questi giorni.

In una situazione televisiva estemporanea, ho scelto di non cantare un brano inno di liberà ma più volte strumentalizzato nel corso degli anni in contesti politici diversi tra loro.

Come donna, prima che come artista, sono sempre stata per la libertà e i valori ad essa legati. Aborro il fascismo e ogni forma di dittatura. La mia musica e la mia carriera hanno dimostrato i valori in cui credo da sempre.

Volevo evitare di essere trascinata e strumentalizzata in un momento di campagna elettorale così acceso e sgradevole, purtroppo non è stato così.

Rispetto il mio pubblico e continuerò a farlo, con la libertà di scegliere come esprimermi.

Laura.

Laura Pausini finita sotto accusa

Dopo il video della trasmissione spagnola diventato virale, in tanti si sono espressi sulla scelta della cantante. A partire da Pif, che ha scritto "Pensare di non cantare "Bella Ciao", per non voler prendere posizione, è una gran min*hiata. Quando ti rifiuti di cantarla hai già preso posizione.P. s.: Al mio funerale cantate "Bella Ciao". Perché voglio prendere posizione, al riguardo, anche da morto". Fino a Simone Cristicchi che invece ha compreso la sua scelta: "Posso capire la scelta della Pausini, ci sono cantanti che non vogliono dichiararsi politicamente e ‘Bella ciao' è una canzone che è stata spesso demonizzata e messa al centro di numerose polemiche. Questo però non significa che la Pausini sia per forza di destra".

4.373 CONDIVISIONI
Bella Ciao, Pif risponde a Laura Pausini: "Che gran minchiata"
Bella Ciao, Pif risponde a Laura Pausini: "Che gran minchiata"
Simone Cristicchi: "Capisco Laura Pausini, non cantare Bella Ciao non significa essere di destra"
Simone Cristicchi: "Capisco Laura Pausini, non cantare Bella Ciao non significa essere di destra"
Laura Pausini replica alla critiche dopo il rifiuto a Bella Ciao: "Non usatemi per fare propaganda"
Laura Pausini replica alla critiche dopo il rifiuto a Bella Ciao: "Non usatemi per fare propaganda"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views