5.478 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Dalila Di Lazzaro e la morte del figlio: “Mi dissero: è nella camera mortuaria, venga a prendere le sue cose”

Dalila Di Lazzaro perse suo figlio Christian nel 1992, aveva solo 22 anni e lei, invece, ne aveva 37: “Eravamo legatissimi. Mi chiamarono dall’ospedale, lasciando un messaggio in segreteria: ‘suo figlio è nella sala mortuaria, venga a prendere le sue cose’. Ma come si fa a lasciare un messaggio così?”.
5.478 CONDIVISIONI
Immagine

Dalila Di Lazzaro, oggi 71enne, si è raccontata a lungo in una intervista al Corriere della Sera. Ha parlato dei suoi amori, della sua carriera e dei suoi traumi. L'attrice perse un figlio: "Christian era del 1969, oggi sarei nonna. Chissà. Venne travolto da un’auto la sera del 19 maggio 1992 mentre rincasava in motorino, sulla Cassia".

Il racconto di Dalila Di Lazzaro

Dalila Di Lazzaro perse suo figlio nel 1992, aveva solo 22 anni e lei, invece, ne aveva 37: "L'avevo avuto che ero quindicenne. Eravamo legatissimi, con lui mai un problema". Il sogno spezzato di Christian raccontato dall'attrice:

Christian era del 1969, oggi sarei nonna. Chissà. Venne travolto da un’auto la sera del 19 maggio 1992 mentre rincasava in motorino, sulla Cassia. Aveva 22 anni, io 37. L’ho avuto che ero quindicenne. Eravamo legatissimi, con lui mai un problema. Studiava, voleva diventare un dentista, sarebbe dovuto andare negli Stati Uniti per perfezionarsi. Era un chitarrista, suonava in un complessino che si era esibito anche al PalaEur. Solo dopo la sua morte seppi che componeva canzoni, me lo dissero i ragazzi della sua band.

Il ricordo di quella sera

"Dovevo andare a cena con Ethan Wayne, il figlio di John, e Francesca Dellera. Giravo un film con loro e chiesi a Christian se volesse venire con me. Disse di no: “Vado a suonare con i miei amici; è il primo sabato dopo il Car, sto con loro”. Poi, la telefonata alle tre di notte:

Rientrai alle tre, poi sentii il telefono… drin drin e mettevano giù. Non ero preoccupata ma al risveglio al mattino trovai un messaggio in segreteria. Fu terribile. Era dall’ospedale: “Purtroppo c’è qui suo figlio. È nella sala mortuaria, dovrebbe venire a prendere le sue cose”. Ma come si fa a lasciare un messaggio così? All’obitorio, prima di accarezzarlo per l’ultima volta mi bendai gli occhi. Volevo ricordamelo, ma da vivo.

Dopo quella tragedia, Papa Wojtyla volle incontrarla per darle la comunione: "Andai, mi prese la testa, ero in lacrime. Mi chiese se credessi, risposi di sì. Mi fissò con gli occhi azzurri e mi confortò: “Non ci sono parole, però sappi che lui sarà sempre con te, ricordatelo”. 

 

5.478 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views