Roma e Lazio nel weekend di sabato 9 e domenica 10 gennaio diventano zona arancione. Nuovo cambio di colori nel fine settimana dopo il decreto legge approvato quattro giorni fa dal Consiglio dei Ministri, con nuove regole per spostamenti e chiusure nella nostra regione così come sull'intero territorio nazionale. Da lunedì 11 gennaio il Lazio resta zona gialla, con un indice Rt che si attesta sullo 0.98 per cento, nonostante l'aumento dei contagi. La riapertura delle scuole superiori è stata invece rimandata al 18 gennaio, data fino alla quale professori e studenti seguiranno la didattica a distanza al 100 per 100. L'attenzione è alta dopo le festività natalizie, con numeri dei positivi in salita che nel Lazio hanno nuovamente raggiunto quota 2mila nei giorni scorsi, il quale è tra le nove regioni d'Italia secondo i dati di Agenas con le terapie intensive che hanno superato la soglia di criticità. Attualmente i posti letto occupati da pazienti Covid sono al 32 per cento, ieri l'Unità di Crisi della Regione Lazio ha annunciato un potenziamento.

Le regole sugli spostamenti il 9 e 10 gennaio

Sabato 9 e domenica 10 gennaio Roma e Lazio rispetteranno le misure stabilite per la zona arancione. Nel primo fine settimana dopo le festività natalizie sarà vietato muoversi tra Comuni, regioni o province autonome diverse, tranne che, come ormai noto, per comprovate motivazioni di lavoro, salute o necessità. Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre consentito, mentre sono vietati gli spostamenti verso le seconde case al di fuori della propria regione. Consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5mila abitanti, entro 30 chilometri, tranne che verso i capoluoghi di provincia. Resta il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del giorno seguente.

Cosa resta aperto e cosa no

Per quanto riguarda i cambiamenti su aperture e chiusure di negozi e attività commerciali, nel weekend di sabato 9 e domenica 10 gennaio in zona arancione bar e ristoranti resteranno chiusi, mentre i negozi potranno aprire fino alle ore 21, sempre compatibilmente con l'orari previsti nei festivi. Aperti anche parrucchieri, barbieri e centri estetici. Per quanto riguarda le attività di ristorazione, potranno continuare ad effettuare il servizio d'asporto ai clienti, (consentito fino alle ore 22) e di consegna a domicilio (senza limiti d'orario).

Cosa si può fare e cosa no

Sabato 9 e domenica 10 gennaio, seppur sia raccomandato di limitare gli spostamenti ai soli necessari, oltre che fare la spesa, si potrà uscire di casa per fare una passeggiata, sempre all'interno del proprio Comune di domicilio o residenza, ad esempio per visitare i negozi oppure per fare una camminata anche in parche ed aree verdi. Resta obbligatoria ovviamente la mascherina anche all'aperto di giorno e di sera. Consentito fare attività fisica e sportiva individuale all'aperto, nel rispetto della distanza di sicurezza. Non è vietato andare a trovare amici e parenti, sempre all'interno del territorio comunale.