Zaccagnini del M5S confessa: "Non abbiamo il personale per fare le proposte di legge"

Il Movimento cinque Stelle non ha il personale adeguato per presentare proprie proposte di legge in Parlamento, lo ha confessato in un lungo Post su facebook il neo deputato grillino Adriano Zaccagnini noto alle cronache per essere stato fotografato mentre mangiava alla buvette di Montecitorio. Dopo essersi scusato per la pausa pranzo al ristorante della Camera, "che non avevo manco capito che si chiamava bouvette, ma non avevo l'attenzione a dove mangiavo in quei giorni", il deputato grillino infatti ha annunciato "Vi spiegherò per filo e per segno perché non abbiamo il personale adeguato per espletare le nostre attività". Il problema sembra essere collegato ai famosi esperti che nei partiti aiutano i parlamentari a scrivere correttamente una legge e che il M5S aveva cercato di trovare raccogliendo curricula su internet. Come spiega il deputato del M5S però questi professionisti devono per forza essere scelti tra una lista prefissata, pena il decurtamento del contributo pubblico.

Decurtato il finanziamento per il personale – "In particolare la presentazione delle proposte di legge ci è stata difficile senza adeguato personale legislativo" ha scritto Zaccagnini rivelando che al M5S "spetta un contributo di 4,2 milioni euro. Ce lo decurteranno fino a farci rimanere con poco meno di 1 milione, se non assumiamo il nostro personale legislativo (drafting) e amministrativo da due liste".  "Ci decurtano 65000 euro a persona per ognuna delle 17 persone che dovremmo obbligatoriamente assumere, roba da pazzi" si è sfogato il deputato, aggiungendo "Senza alcun Concorso Pubblico, ma con l'amicizia dei politici, da anni persone di infima provenienza sono state mescolate ad altre di grande professionalità in queste due liste". "Nell'allegato A ci sono persone stabilizzate, ovvero hanno garantito il reddito a prescindere se li assumiamo o meno, mentre l'allegato B invece è composto da persone non stabilizzate, circa 500" spiega ancora Zaccagnini. Ora il problema è che "essendo queste liste di nomi senza telefoni né corredati di curricula siamo all'oscuro di chi sono e di come assumerli".