Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 8 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 14 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
23 Settembre 2022
16:17

Tutto quello che i partiti vi vogliono regalare alle elezioni

Nei programmi dei partiti politici ci sono diverse proposte su bonus e servizi gratuiti per tutti. Vediamo chi ne offre di più e perché – alla fine – è sempre tutto pagato dai cittadini.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Lo sapete cosa vi vogliono regalare i partiti? I programmi elettorali, infatti, sono infarciti di tutta una serie di bonus e servizi gratuiti per i cittadini. Sono promesse, certo. Ma nei principali schieramenti in campo ci sono diversi partiti che hanno fatto una lista abbastanza corposa già a livello programmatico. Non consideriamo, poi, quello che è uscito durante comizi ed eventi elettorali, dalle dentiere di Berlusconi al canone Rai di Salvini. Vediamo tutto ciò che c'è di gratis nei programmi dei partiti politici per le elezioni del 25 settembre.

Cominciamo dal centrodestra: nel programma comune firmato da Meloni, Salvini e Berlusconi c’è una voce gratuita, ovvero gli asili nido. "Piano di sostegno alla natalità, prevedendo anche asili nido gratuiti, asili nido aziendali, ludoteche", si legge al punto cinque del testo. In generale, però, andrebbero anche costruiti gli asili nido. Nel programma della Lega, invece, c’è anche un bonus per le adozioni internazionali e la visita medica sportiva a scuola in omaggio.

Il Partito Democratico parte forte – nel suo programma – con un super-regalo ai diciottenni, ovvero la dote da 10mila euro ricavata dalla tassa di successione. Anche se, in generale, forse ai giovani servirebbero misure più strutturali che 10mila euro in mano. Poi c'è il trasporto pubblico locale gratis per giovani e anziani. La scuola dell’infanzia gratuita (ma obbligatoria). Mense gratis, sempre a scuola. Libri di testo gratis, ma solo per chi ha un basso Isee. E viene assicurata anche la conferma del bonus cultura 18 app.

Il Movimento 5 Stelle è stato più volte additato come partito dei bonus e, anche in questo caso, non si smentisce. Nel suo programma c'è tutta la scuola gratis, da zero a diciotto anni. Poi l'ingresso libero a mostre, musei, siti archeologici, il riscatto gratuito della laurea, la cannabis terapeutica e i contraccettivi in omaggio. C'è anche ampio spazio per i bonus veri e propri: il rafforzamento del Superbonus edilizio, un bonus auto, un bonus per chi cambia casa perché fa il terzo figlio, il marebonus e il sismabonus.

Il Terzo polo, nel suo programma, ha meno proposte gratuite ma certamente il regalo più interessante. La visita gratis a Roma per i ragazzi e le ragazze tra i 18 e i 25 anni con treno e ostello pagati dal governo, ma il regalo non finisce qui: l’esperienza è vincolata alla visita a musei e siti archeologici. Come sarà verificata questa cosa non è chiaro, speriamo non ci siano personalmente Renzi e Calenda a controllare. Ci sono anche gli asili nido gratuiti fino a una certa soglia Isee.

Alla fine di questa breve analisi, però, va ricordato un punto fondamentale: nessuno regala niente qui. Tutte queste misure, se eventualmente entreranno in vigore, saranno finanziate con le tasse. E le tasse le pagano sempre i cittadini.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni