Il confronto/scontro in tv tra Matteo Renzi e Matteo Salvini sembra portare qualche effetto positivo nei sondaggi elettorali per entrambi. In particolare, la rilevazione effettuata dall’Istituto Ixè per Carta Bianca, trasmissione di Rai 3, evidenzia un aumento dei consensi sia per la Lega che per Italia Viva. Va detto che il sondaggio non considera l’effettiva resa del duello andato in onda a Porta a Porta, essendo avvenuto solamente dopo la pubblicazione della rilevazione. Ma la maggior esposizione mediatica di entrambi i leader negli ultimi giorni, in vista dello scontro, sembra giovare a entrambi.

La Lega è il primo partito con il 30,7%, corrispondente allo 0,7% in più rispetto alla settimana precedente. Perde nettamente il Pd, che si attesta al 20,4%, in calo di un punto e mezzo percentuale. Perde mezzo punto, invece, il Movimento 5 Stelle che si attesta al 19,7%. In leggero calo anche Fratelli d’Italia, ferma all’8,2% (-0,4%). In crescita Forza Italia, che passa dal 7,2% al 7,8%. Italia Viva guadagna mezzo punto percentuale e raggiunge il 4%. Per quanto riguarda gli altri partiti, +Europa è al 2,5%, La Sinistra al 2%, Europa Verde all’1,4%, Cambiamo all’1,1%.

La fiducia dei leader nei sondaggi

La rilevazione di Ixè considera anche la fiducia degli italiani nei vari leader politici. In testa c’è Giuseppe Conte al 44%, seguito da Matteo Salvini al 34%, Giorgia Meloni al 31%, Nicola Zingaretti al 25%, Luigi Di Maio al 24%, Silvio Berlusconi al 20%, mentre in fondo alla graduatoria troviamo Matteo Renzi al 14%. Quasi tutti i leader presentano una fiducia stabile, fatta eccezione per un lieve calo di Meloni e Zingaretti e una leggera crescita per Berlusconi.

Sondaggi, il giudizio su manovra e ius culturae

Per quanto riguarda il giudizio degli italiani sulla legge di Bilancio, ritiene che non sia per nulla positivo il 21%, mentre lo definisce poco positivo il 29%. Ancora, il giudizio è abbastanza positivo per il 28% e molto positivo per il 4%. Per quanto riguarda l’ipotesi di aumentare le pene per gli evasori, anche in caso di evasione di 50mila euro, il 70% degli elettori ritiene che sia una misura giusta. È invece sbagliata per il 18% degli intervistati. Infine, un parere sullo ius culturae: si dice favorevole il 63% del campione, contrario il 24%; non si esprime il restante 13%.