3 Settembre 2021
21:23

Scuola, niente mascherina nelle classi di vaccinati: i presidi avvertono sul rischio emarginazione

Dopo l’annuncio del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha confermato la possibilità di abbandonare le mascherine nelle classi interamente vaccinate, sono emerse una serie di difficoltà. I presidi hanno sottolineato le problematiche legate alla privacy (specialmente dal momento che il vaccino non è ancora obbligatorio) e hanno avvertito sui rischi di emarginazione. Punto su cui si è espressa anche la sottosegretaria Barbara Floridia: “Il mio timore è che si possano creare discriminazioni tra gli studenti”, ha detto.
A cura di Annalisa Girardi

La possibilità di dire addio alla mascherina nelle classi di tutti vaccinati, con ogni probabilità, non arriverà subito. Questo perché (al di là delle difficoltà di avere intere classi di vaccinati entro la settimana prossima) mancano ancora una serie di passaggi per permettere di attuare quanto annunciato dal ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi. A fare alcune precisazioni è lo stesso ministero, che sottolinea: "La possibilità togliere la mascherina nelle classi composte da studenti che abbiano  tutti completato il ciclo vaccinale è prevista dal decreto legge varato dal governo lo scorso 6 agosto con le misure urgenti per l'avvio del nuovo anno scolastico". Per poi aggiungere: "Tenuto conto anche degli aspetti legati alla privacy, si sta ora lavorando per l'attuazione di questa novità che non vuole assolutamente creare discriminazioni, quanto piuttosto consentire un progressivo ritorno alla normalità  all'interno delle aule in corrispondenza dell'avanzamento del piano vaccinale".

Anche i presidi, nel frattempo, evidenziano una serie di problematiche che potrebbero emergere: "Nelle classi ci sarà sempre qualcuno di non vaccinato e questo creerà una situazione di disagio, con il rischio di emarginazione da parte dei ragazzi che vorrebbero levare la mascherina", ha affermato Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi. Inoltre, rimane anche il problema delle modalità con cui controllare chi è vaccinato e chi no, senza una legge che obbliga alla vaccinazione. Secondo Giannelli quest'ultima questione si potrebbe ovviare utilizzando l'app per i controlli del Green Pass, che comunicherebbe quali sono le classi interamente vaccinate, senza andare a chiedere il certificato a ogni studente.

Sulla questione è intervenuta anche la sottosegretaria all'Istruzione, Barbara Floridia, che all'Adnkronos ha affermato di condividere l'obiettivo del ministro Bianchi, pur precisando: "Non credo possa entrare in vigore nell'immediato perché sono necessarie ulteriori valutazioni e va sempre considerato l'andamento dei contagi. Facciamo partire l'anno scolastico in presenza e successivamente ne valuteremo la fattibilità". La possibilità di una deroga alla mascherina nelle classi di vaccinati, ha spiegato la sottosegretaria, è contenuta nel decreto dello scorso 6 agosto. Tuttavia Floridia ha aggiunto: "Occorre fare una valutazione approfondita. Il mio timore è che si possano creare discriminazioni fra gli studenti non essendo possibile, a normativa vigente, sapere se gli studenti e le studentesse siano vaccinati o meno e soprattutto non possiamo rischiare di vanificare gli sforzi che abbiamo profuso per portare i ragazzi in presenza per l'intero anno scolastico".

Secondo i presidi finché tutti gli studenti non saranno vaccinati sarà normale avere classi in Dad
Secondo i presidi finché tutti gli studenti non saranno vaccinati sarà normale avere classi in Dad
Scuola, mistero sul numero dei contagi: nessuno li conosce, ma centinaia di classi sono già in Dad
Scuola, mistero sul numero dei contagi: nessuno li conosce, ma centinaia di classi sono già in Dad
In Francia i bambini della primaria a scuola senza mascherina
In Francia i bambini della primaria a scuola senza mascherina
47 di askanews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni