L’ex presidente del Consiglio Romano Prodi scioglie ogni dubbio e garantisce che sosterrà il centrosinistra e in particolare la lista Insieme alle prossime elezioni politiche. Prodi interviene da Bologna durante un incontro elettorale organizzato proprio da Insieme: “Oggi – spiega – ho rotto un lungo silenzio, perché mi sentivo in dovere di sottolineare l'importanza della scelta e il dovere di sostenere la coalizione di centrosinistra, in particolare gli amici di ‘Insieme' perché portano avanti gli stessi valori che sono stati alla base dell'Ulivo e che io profondamente condivido: minore disuguaglianza e una forte presenza in Europa”.

Prodi fa una vera e propria investitura a Paolo Gentiloni, riconoscendogli il lavoro che sta facendo “in un momento difficile per dimostrare che il nostro è un Paese sereno, che ha idee chiare”. Quella di Prodi nei confronti di Gentiloni è una sorta di passaggio ideale di testimone, dall’ex presidente del Consiglio all’attuale premier. L’opinione di Prodi sembra essere condivisa anche da Giulio Santagata, uno dei principali promotori della lista Insieme: “L'ultima fase di governo mi sembra particolarmente positiva rispetto a dove eravamo arrivati. Si è capito che questo è un Paese che ha bisogno di essere guidato, non comandato”.

Prodi chiede l’approvazione di una nuova legge elettorale

Romano Prodi ha le idee chiare in tema di legge elettorale: quella che c’è oggi – da poco approvata dal Parlamento – non va e bisogna quindi farne subito una nuova, “all’inizio della legislatura”: “In questo momento siamo tutti qui ad adorare la Francia, ma senza la legge elettorale francese la Francia sarebbe in una situazione ingovernabile. Dobbiamo tenere presente che queste cose però si fanno a inizio legislatura”.

Prodi parla anche dell’attuale campagna elettorale e delle proposte attualmente in campo: “Ciò che serve all'Italia è un programma per raddrizzare il Paese, non per cercare di prendere voti con qualche esenzione fiscale: questo è il futuro di una coalizione e noi abbiamo bisogno di una coalizione di centrosinistra forte, perché è l'unica che pone due valori fondamentali in primo piano: maggiore uguaglianza ed Europa. È tutto qui ciò di cui abbiamo bisogno”. E l’ex presidente del Consiglio riafferma la necessità delle coalizioni: “Ne abbiamo bisogno. Non solo noi, lo si vede anche in Germania”.

Gentiloni loda Prodi e rilancia l'Ulivo

A prendere la parola è anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che sottolinea la “generosità” di Prodi decidendo di “partecipare a questa iniziativa: credo che il fatto che noi siamo qui insieme sia molto importante. Abbiamo vinto due volte con Romano, non sempre riusciamo a vincere. Negli ultimi anni di Prodi mi ha sempre colpito questa sua straordinaria capacità di tenere insieme radici del territorio e la visione globale”. E Gentiloni loda ancora Prodi: “È un leader che può dare a tutti noi ispirazione”.

Gentiloni rilancia lo spirito dell’Ulivo: “Abbiamo lavorato per una sinistra e un centrosinistra di governo, non ci accontentiamo delle nostra biografie. Quegli slogan di vent'anni fa sono tuttora il tessuto della coalizione del centrosinistra a guida Pd che oggi si presenta alle elezioni”.