10.174 CONDIVISIONI
Elezioni politiche 2018
30 Marzo 2018
15:32

Il meschino classismo di chi deride i parlamentari senza titoli di studio

Uno faceva lo steward allo stadio San Paolo e non s’è mai laureato, l’altro ha la terza media, l’altro ancora prende appunti in Aula perché non conosce la macchina parlamentare e via così, a prendere in giro i parlamentari grillini giudicati inadeguati rispetto all’istituzione che sono stati chiamati a rappresentare. Un meschino classismo che contrasta con i dettami costituzionali che molti critici si fregiano di difendere.
10.174 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Controcorrente

Il fuoco di fila non si placa. Non passa giorno, ormai, senza che sui giornali appaia qualche articolo critico contro i neo-eletti, preferibilmente pentastellati, colpevoli di essere senza titoli di studio, senza esperienza pregressa, senza professionalità di grido, senza contratti stabili e blindati o senza adeguata estrazione sociale. Rispetto agli esordi parlamentari, il Movimento 5 Stelle ha accresciuto notevolmente il proprio consenso elettorale, arrivando a essere il primo partito d'Italia con il 32% dei voti. Dal giorno successivo alle elezioni del 4 marzo, i partiti risultati "perdenti" (leggi Partito Democratico, ndr) hanno iniziato a perculare, sputtanare e deridere i nuovi eletti, considerati non abbastanza all'altezza dell'istituzione che sono stati chiamati a rappresentare. E uno faceva lo steward allo stadio San Paolo e non s'è mai laureato, l'altro ha la terza media e l'altro ancora prende appunti in Aula perché non conosce la macchina parlamentare (che ridere, davvero, mi fa male la pancia).

Intanto, gli inetti hanno sbancato alle elezioni e la sinistra, anziché cercare di capire e analizzare in motivi per cui non è più in grado, secondo la percezione dell'elettorato, di rappresentare una grandissima fetta di ex elettori, preferisce giocare al tiro al piccione e mettere alla berlina quelli che, senza timor di smentita, sono i vincitori delle ultime elezioni.

Inutile rifarsi ai principi sanciti dalla Costituzione italiana – i quali non prevedono né impongono alcun titolo di studio minimo né per fare il parlamentare né per fare il ministro o ricoprire altri ruoli politici apicali – e poi farne carta straccia quando invece arriva il momento di attaccare l'avversario. Se solo pochi anni fa, il Partito Democratico ha difeso strenuamente la nomina a ministri di politici come Andrea Orlando, Beatrice Lorenzin e Valeria Fedeli, criticati da chi sosteneva non avessero adeguati titoli di studio per ricoprire il ruolo in quanto semplici "diplomati", è abbastanza miope abdicare a un principio che si riteneva giusto al solo scopo di restituire pan per focaccia ai 5 Stelle. O il libero accesso alle istituzioni senza distinzione di censo o titolo di studio è un valore oppure non lo è, non può essere un baluardo di civiltà solo quando serve a difendere le proprie scelte politiche ed essere repentinamente abbandonato quando invece si staglia all'orizzonte l'occasione di bastonare l'avversario incolto. "Ma hanno iniziato loro" è la scusa più gettonata dei dem, che quasi sembra di assistere a una lite tra bambini delle elementari più che a un dibattito politico tra parti avverse.

La presenza di ministri e parlamentari senza "adeguati" titoli di studio è una costante in Italia, sin dal 1946, non è certo una novità. Per fare qualche esempio bipartisan e recente: Massimo D'Alema non è laureato, Matteo Salvini nemmeno, Umberto Bossi finse addirittura di esserlo ingannando la sua famiglia con una finta festa di laurea, Giorgia Meloni ha un diploma di scuola alberghiera, il ministro Poletti è un tecnico agrario, il ministro Orlando ha una maturità scientifica, il ministro Lorenzin una maturità classica. E poi, per finire, una chicca: l'ex ministro Scajola si è laureato alla veneranda età di 53 anni, dopo aver abbandonato gli studi per qualche decennio perché intenzionato a fare carriera politica.

I grillini inesperienti, dunque, non sono né i primi né saranno gli ultimi onorevoli eletti nonostante l'assenza di diplomi o lauree. La Repubblica Italiana ha visto assurgere a ruoli politici apicali operai, braccianti agricoli, studenti che avevano abbandonato gli studi universitari, elettricisti e chi più ne ha più ne metta. La carta non sempre canta e giudicare un politico per il solo titolo di studio è abbastanza miope, giudicarlo per i fatti sarebbe meglio, altrimenti è solo meschino classismo.

10.174 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
597 contenuti su questa storia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Controcorrente
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni