L’obiettivo è la lotta all’evasione fiscale. Una battaglia contro il nero che può portare, secondo i calcoli del governo, circa sette miliardi nelle casse dello Stato. Gli strumenti sono tanti: dalla lotteria degli scontrini alla stretta sulle compensazioni dei crediti Inps, dal software antifrode agli strumenti per incentivare il ricorso ai pagamenti elettronici. La maggioranza ha scritto nero su bianco, nella Nota di aggiornamento al Def, di voler recuperare 7,2 miliardi di euro dalla lotta all’evasione. E per farlo sembra contare su più misure, alcune nuove e altre solo da mettere in campo o migliorare.

Il traguardo è difficile da raggiungere, ma il governo resta ottimista. Anche sulla base dei risultati della fatturazione elettronica, che ha portato maggiori entrate Iva per 2 miliardi da quando è stata introdotta, nonostante una crescita inesistente e una difficoltà dell’economia italiana evidente. Tra l’altro a fine anno gli introiti potrebbero aumentare, attestandosi nel complesso a quattro miliardi di entrate in più. A spiegare il piano del governo e a fornire gli ultimi aggiornamenti soprattutto su uno strumento, la lotteria degli scontrini, è il Corriere della Sera.

Arriva la lotteria degli scontrini: come funziona

La lotteria dei corrispettivi è stata programmata con la legge di Bilancio 2017, varata dal governo guidato da Paolo Gentiloni. Per un paio di anni la sua introduzione è stata rinviata, fino a che il decreto fiscale dello scorso anno ha stabilito che sarebbe partita a tutti gli effetti dal primo gennaio 2020. Anche perché per dare il via a questo meccanismo serviva prima l’introduzione dello scontrino elettronico. Che arriverà, per tutti, proprio a gennaio. Ma che è già obbligatorio da luglio per chi ha un volume d’affari superiore ai 400mila euro.

Per ogni acquisto effettuato dal consumatore (con importo non inferiore a un euro) vengono emessi dei biglietti virtuali con cui è possibile partecipare all’estrazione dei premi. Ogni dieci centesimi di spesa verrà erogato un biglietto. Ma chi paga con carta o bancomat ha probabilità di vincita doppie, perché i biglietti erogati vengono raddoppiati. Per esempio, chi paga un euro in moneta ha dieci biglietti, chi lo fa con la carta ne ha 20. Inoltre per chi paga con strumenti elettronici il sistema fornisce in automatico i biglietti, mentre chi lo fa in contanti deve richiederlo esplicitamente e deve fornire il codice fiscale. Un po’ come avviene in farmacia. Poi verrà approntato un sito (probabilmente con tanto di app) per controllare i biglietti assegnati e le estrazioni avvenute.

Lotteria degli scontrini, quali saranno i premi

I premi saranno sia su base mensile che su base annuale. Si tratterà di vincite più basse mese per mese e con una maxi-estrazione finale (in cui vengono inclusi tutti i partecipanti durante tutto l’arco dell’anno) e un super-premio simile a quello della lotteria. Ogni mese i premi saranno tre: il primo da 50mila euro, il secondo da 30mila e il terzo da 10mila. Inoltre l’idea è quella di rendere le estrazioni settimanali a partire dal 2021. A questo si aggiunge il primo finale: uno l’anno. Vengono riutilizzati tutti i biglietti emessi mese per mese e si può vincere ben un milione di euro.