1.671 CONDIVISIONI
Coronavirus
6 Settembre 2021
09:31

L’obbligo vaccinale si avvicina: anche Mattarella la pensa come Draghi

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, trova una sponda nel presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sull’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale contro il Covid. Il capo dello Stato è netto: “Non si può invocare la libertà per sottrarsi alla vaccinazione come licenza di mettere a rischio la salute e la vita altrui”.
A cura di Stefano Rizzuti
1.671 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, lancia l’assist per il vaccino obbligatorio al presidente del Consiglio, Mario Draghi. Proprio l’inquilino di Palazzo Chigi aveva per primo ipotizzato il ricorso all’obbligo per convincere gli italiani ancora reticenti o espressamente contrari alla vaccinazione anti-Covid. Ora Draghi ha trovato una sponda, la più importante, nel Colle. Il capo dello Stato, infatti, intervenendo in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’università di Pavia, ha fatto un chiaro “richiamo alla responsabilità sociale e al dovere morale e civico della vaccinazione”.

Non ha parlato espressamente di obbligo vaccinale Mattarella, ma il messaggio è chiaro e sembra andare proprio in quella direzione. Tanto che il capo dello Stato ribadisce che il vaccino è “lo strumento che con grande velocità la comunità scientifica ci ha consegnato per sconfiggere il virus e che sta consentendo di superare le conseguenze economiche e sociali” legate al Coronavirus. Ma non solo, perché l’inquilino del Quirinale si spinge oltre e spiega con poche parole perché è necessario che tutti quelli che possono farlo debbano vaccinarsi: “Non si può invocare la libertà per sottrarsi alla vaccinazione come licenza di mettere a rischio la salute e la vita altrui”.

Di fatto, da Mattarella arriva un pieno sostegno a Draghi e alle sue parole sulla possibilità di introdurre il vaccino obbligatorio. Il capo dello Stato prosegue nel suo ragionamento sull’immunizzazione dei cittadini: “Chi pretende di non vaccinarsi, con l’eccezione di chi non può farlo, e di svolgere vita normale, frequentando luoghi condivisi di lavoro, istruzione e svago, in realtà costringe tutti gli altri a limitare la libertà, rinunciare a una prospettiva di normalità di vita”. Infine, Mattarella condanna “le espressioni di violenza e minacce che affiorano in queso periodo contro medici, scienziati e giornalisti: sono fenomeni allarmanti e gravi, vanno contrastati con fermezza e sanzionati con doveroso rigore”, avverte il capo dello Stato in riferimento ad alcuni episodi legati a proteste dei no vax.

1.671 CONDIVISIONI
27039 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni