213 CONDIVISIONI
Opinioni
15 Febbraio 2011
15:43

Il giudizio immediato per Berlusconi il 6 aprile e i processi ancora in corso

La decisione del Gip di procedere con il giudizio immediato nei confronti di Silvio Berlusconi è destinata a segnare inesorabilmente il cammino della legislatura e non solo.
213 CONDIVISIONI
berlusconi_Procura

Non c'è alcun dubbio che la decisione del giudice per le indagini preliminari di procedere al giudizio immediato per Silvio Berlusconi, per quel che concerne i reati di concussione e prostituzione minorile, sia da considerarsi uno dei "momenti" della storia dell'Italia repubblicana. Infatti, la notizia che il 6 aprile si terrà la prima udienza del processo al Presidente del Consiglio segna ovviamente un nuovo capitolo nella storia recente italiana, stretta fra il lungo braccio di ferro fra il Cavaliere e la magistratura.

Un duello che ha toccato il vertice proprio nelle ultime settimane, ma che ha radici lontane nel tempo ed ha di fatto contraddistinto tutta l'esperienza politica di Silvio Berlusconi, fino a considerarsi il vero leit motiv sia delle sue campagne elettorali (assieme all'altro cavallo di battaglia della "sinistra comunista), sia della sua attività politica, con il Parlamento che negli anni ha approvato, discusso e bocciato un numero incredibile di provvedimenti destinati a "riformare la Giustizia" e finito spesso sotto "la lente di ingrandimento" della Corte Costituzionale. In particolare però, bisogna sottolineare che il giudizio immediato del 6 aprile va ad inserirsi in una "agenda" già preoccupantemente piena, con la ripresa del processo sui diritti tv di Mediaset prevista per la fine del mese di febbraio, con il processo Mediatrade e quello Mills che ricominceranno nei primi giorni di marzo e con le indagini romane che sono in fase di completamento.

Insomma, considerandolo in un'ottica più ampia il caso Ruby, al di là della sua valenza in termini di credibilità complessiva, rischia di essere davvero il punto di non ritorno della parabola berlusconiana. Anche le dichiarazioni dell'ultima ora dei tanti esponenti della maggioranza  sembrano in effetti riflettere un clima da "scontro finale", con l'attività "eversiva" della Procura di Milano cui bisogna "porre un argine, in modo da tutelare il diritto a governare attribuito al Presidente dal popolo sovrano". E pensare che fino a qualche giorno fa c'era chi pensava che la scena finale del Caimano di Nanni Moretti fosse solo fantascienza…

213 CONDIVISIONI
A Fanpage.it fin dagli inizi, sono condirettore e caporedattore dell'area politica. Attualmente nella redazione napoletana del giornale. Racconto storie, discuto di cose noiose e scrivo di politica e comunicazione. Senza pregiudizi.
Commissione europea favorevole alla candidatura dell'Ucraina in Ue: le condizioni per l'adesione
Commissione europea favorevole alla candidatura dell'Ucraina in Ue: le condizioni per l'adesione
Omicidio Yara, Massimo Bossetti dal carcere: “Non ho commesso il reato: non si vuole cercare la verità”
Omicidio Yara, Massimo Bossetti dal carcere: “Non ho commesso il reato: non si vuole cercare la verità”
Meteo estate, le previsioni di Giuliacci:
Meteo estate, le previsioni di Giuliacci: "Il 24 giugno caldo record, ma il peggio deve ancora venire"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni