3.735 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Gennaio 2022
11:45

Draghi firma il nuovo Dpcm: ecco la lista dei negozi dove non serve il Green Pass dal 1° febbraio

Il governo ha pubblicato il nuovo Dpcm con la lista dei negozi e della attività dove non sarà necessario il Green Pass dal prossimo 1° febbraio. Non servirà in quelle attività che vendono beni essenziali, come i negozi di alimentari, quelli che vendono prodotti per l’igiene personale, o le farmacie.
A cura di Annalisa Girardi
3.735 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Mario Draghi ha firmato il nuovo Dpcm: il governo specifica così la lista dei negozi e delle attività dove non servirà il Green Pass dal prossimo 1° febbraio, quando scatteranno le nuove regole. Nell'ultimo decreto anti Covid, infatti, l'esecutivo ha deciso di estendere l'utilizzo della Certificazione (quella base, scaricabile anche effettuando un tampone antigenico o molecolare) agli uffici pubblici, in banca, alle Poste e nei negozi, ad esclusione di quelli dove si vendono beni considerati essenziali. Come gli alimentari, per esempio, ma anche quelli dove è possibile acquistare prodotti igienico sanitari o le farmacie. Vediamo quindi la lista delle attività commerciali dove non sarà necessario il Green Pass per accedere, individuata nel Dpcm approvato oggi.

Nel testo del Dpcm si legge:

1. Ai sensi dell’articolo 9-bis, comma 1-bis, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87, del 2021, fermo restando quanto disposto dall’articolo 9-sexies, comma 8, del medesimo decreto-legge, nonché quanto previsto dagli articoli 7 e 8, del decreto-legge 24 dicembre 2021, n. 221 e dall’articolo 1, del decreto-legge 30 dicembre 2021, n. 229, le esigenze essenziali e primarie della persona per far fronte alle quali, nell’ambito dei servizi e delle attività che si svolgono al chiuso di cui al comma 1-bis, lettera b), non è richiesto il possesso di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui all'articolo 9, comma 2, del medesimo decreto-legge, sono le seguenti:

a) esigenze alimentari e di prima necessità per le quali è consentito l’accesso esclusivamente alle attività commerciali di vendita al dettaglio di cui all’allegato del presente decreto;

b) esigenze di salute, per le quali è sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie di cui all’articolo 8-ter del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, nonché a quelle veterinarie, per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori, fermo restando quanto previsto dall’articolo 2-bis del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52 per quanto riguarda la permanenza degli accompagnatori nei suddetti luoghi e dall’articolo 7 del decreto-legge 24 dicembre 2021, n. 221, per l'accesso dei visitatori a strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice;

c) esigenze di sicurezza, per le quali è consentito l’accesso agli uffici aperti al pubblico delle Forze di polizia e delle polizie locali, allo scopo di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti;

d) esigenze di giustizia, per le quali è consentito l’accesso agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunzie da parte di soggetti vittime di reati o di richieste di interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività di indagine o giurisdizionale per cui è necessaria la presenza della persona convocata.

La lista dei negozi dove non serve il Green Pass dal 1° febbraio

1. Commercio al dettaglio in esercizi specializzati e non specializzati con prevalenza di prodotti alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati e altri esercizi non specializzati di alimenti vari), escluso in ogni caso il consumo sul posto.

2. Commercio al dettaglio di prodotti surgelati

3. Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati.

4. Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati.

5. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari.

6. Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie, parafarmacie e altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)

7. Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati.

8. Commercio al dettaglio di materiale per ottica.

9. Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento.

Le nuove regole sul Green Pass

Il governo aveva esteso ulteriormente l'utilizzo del Green Pass base per contenere la quarta ondata di contagi. Già lo scorso 20 gennaio era scattato l'obbligo per i servizi alla persona, quindi parrucchieri, barbieri ed estetisti. Dal 1° febbraio, invece, sarà necessario per accedere a tutti gli uffici pubblici, come quelli dell'Inps ad esempio, per andare in banca o alle Poste e infine per entrare nei negozi. Ad eccezione, appunto, di quelli considerati essenziali e specificati nel Dpcm appena pubblicato.

3.735 CONDIVISIONI
31053 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni