Torna a parlare il ministro e vicepremier Luigi Di Maio. Lo fa con un post su Facebook dopo l’incontro a sorpresa nella villa di Beppe Grillo in Toscana con i vertici del Movimento 5 stelle e Davide Casaleggio. E nel post, Di Maio attacca ancora l’ex alleato Matteo Salvini, pur senza nominarlo mai. “Oggi ci siamo incontrati insieme a Beppe, Davide, Roberto, Alessandro, Paola e i capigruppo. Siamo forti e compatti e questo spaventa qualcuno. Non voglio scendere in polemiche. Qui le cose sono molto chiare”, scrive Di Maio elencando appunto quanto accaduto. “Chi sapete voi (non voglio nemmeno nominarlo) ha sfiduciato il governo chiedendo di tornare al voto in pieno agosto, pugnalando alle spalle non solo il MoVimento 5 Stelle ma il Paese; lo ha fatto perché non voleva tagliare i parlamentari e i loro stipendi, due proposte del MoVimento. Diceva persino che il taglio dei parlamentari era una Salva-Renzi; quindi è tornato da Berlusconi e anche Berlusconi gli ha dato picche, perché nemmeno lui si fida più della sua parola; quando ha capito di aver fatto un disastro è tornato sui suoi passi, iniziando ad offendere il sottoscritto e il MoVimento 5 Stelle e inventandosi la storia dell’accordo col Pd”.

"Pensiamo solo al Paese e a non far aumentare l’Iva" – E ancora, Luigi Di Maio chiede se è possibile credere ancora al leader della Lega: “Voi una persona che si comporta così come la definireste? Credereste ancora alla sua parola? La verità è che un governo c’era, era forte e quel qualcuno l’ha buttato giù per rincorrere i sondaggi. Mentre i ministri MoVimento 5 Stelle erano al lavoro, lui era in spiaggia a pensare come fregare tutti. Questi sono i fatti”. Di Maio afferma di non avere intenzione di rispondere alle offese ma di voler pensare solo all’Italia: “Pensiamo solo al Paese e a non far aumentare l’Iva perché con quel che hanno provocato c’è pure questo rischio. Così come rischiamo la chiusura di alcune fabbriche in tutta Italia perché non riusciamo ad approvare il decreto legge su Whirlpool, ex-Alcoa e simili”. E conclude: “Il 20 saremo al fianco del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il MoVimento 5 Stelle non tradisce mai la parola data agli italiani!”. "Salvini è diventato un interlocutore inaffidabile e senza credibilità", avevano già fatto sapere i vertici del M5S dopo l'incontro nella villa di Grillo.