168 CONDIVISIONI
Opinioni
5 Luglio 2022
16:58

Curdi in Italia: “Svezia e Finlandia nella Nato? Sono cento anni che veniamo massacrati”

Per ottenere il sì della Turchia all’ingresso nella Nato di Finlandia e Svezia, i due Stati si sono impegnati ad estradare in Turchia i rifugiati politici curdi.
A cura di Saverio Tommasi
168 CONDIVISIONI
Erdal Karabey
Erdal Karabey

"Sono cento anni che ci massacrano, oggi è una volta in più", ci spiega Erdal Karabey, rappresentante della comunità curda.

L'ultimo atto a cui Erdal Karabey si riferisce sono gli accordi di Finlandia e Svezia con la Turchia per entrare nella Nato: pur di ottenere il sì della Turchia, Finlandia e Svezia si sono infatti impegnate ad abbandonare il sostegno in ogni sua forma al popolo curdo.
L'accordo di Svezia e Finlandia per entrare nella Nato significa anche la fine dell'embargo sulla vendita delle armi alla Turchia, accusata da più parti di collaborare più o meno direttamente con l'Isis. L'embargo alla vendita delle armi in Turchia era stato imposto nel 2019 in risposta ai bombardamenti turchi contro i curdi nel nord della Siria.
Il secondo punto dell'accordo prevede la consegna da parte di Svezia e Finlandia dei rifugiati politici curdi al governo turco di Erdogan.

Erdal Karabey, Erdogan è un dittatore?

Se lo diciamo noi curdi sembra che esageriamo, che non siamo sinceri. Se lo diciamo noi curdi sembriamo poco credibili, però lo ha detto anche il premier italiano Mario Draghi: "Il presidente turco Erdogan è un dittatore", e poi ha aggiunto "però ci serve, gli vendiamo armi".

Quali armi vende l'Italia alla Turchia?

Quelle con cui poi Erdogan ci massacra. Sono le stesse armi con cui è stato ucciso anche Lorenzo Orsetti.

Lorenzo Orsetti, fiorentino, era partito per unirsi alle truppe combattenti curde contro l'Isis. Giusto?

Sì, Lorenzo credeva nell'idea di "Confederalismo democratico" nata a Rojava, un'esperienza unica di uguaglianza e convivenza, di diritti per le donne, per le religioni e per le minoranze. E' un modello esportabile, ed è questo che teme Erdogan.

Mi spieghi meglio?

Il partito legale curdo, l'HDP, alle ultime elezioni è riuscito a entrare in Parlamento. Ma Erdogan ha fatto arrestare oltre 10.000 persone, compreso il suo cofondantore. E su 104 sindaci eletti, oggi 92 di loro sono stati incarcerati.
Significa che la Turchia reprime le minoranze, e ogni lotta per l'autodeterminazione e la libertà spaventa il premier turco, che così ha basato il suo potere sul massacro e sulla repressione.

I curdi hanno combattuto l'Isis.

Esatto. Tutto il mondo lo ha riconosciuto, ci sosteneva, e oggi che in tante zone lo abbiamo fatto retrocedere, tutti si sono dimenticati di noi.
I due movimenti di lotta YPG e YPJ, che tutti osannavano – ricorderai anche tu le immagini delle donne curde combattenti, giravano ovunque – oggi rischiano di essere classificati come terroristi. Proprio loro che il terrorismo lo combattevano. E' assurdo.

Sei fiducioso per il futuro?

Continuiamo a impegnarci e a raccontare, ma ci massacrano dagli Ottomani in poi. Vogliamo una democrazia compiuta, sul modello del Rojava, capace di accogliere tutti e di tenere la pace.

168 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Finlandia e Svezia nella Nato, primo sì dell'Italia: la Camera approva
Finlandia e Svezia nella Nato, primo sì dell'Italia: la Camera approva
Putin vuole un “governo di destra meno coinvolto in Ucraina”, dice il suo consigliere Kortunov
Putin vuole un “governo di destra meno coinvolto in Ucraina”, dice il suo consigliere Kortunov
Viareggio, a 102 anni rinnova la patente: la prima la prese quando in Italia c'era ancora il Re
Viareggio, a 102 anni rinnova la patente: la prima la prese quando in Italia c'era ancora il Re
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni