116 CONDIVISIONI
Opinioni
21 Luglio 2022
17:10

Addio Governo Draghi: ora il Patto Napoli e Manfredi sono esposti alle intemperie della politica

Una delle promesse del patto Pd-M5S era quella di tirare Napoli fuori dal guado. E ora che quell’intesa è carta straccia che succede?
116 CONDIVISIONI
Draghi e Manfredi a Napoli
Draghi e Manfredi a Napoli

Un anno fa eravamo in piena campagna elettorale per le Elezioni Comunali di Napoli e nessuno, nessuno avrebbe mai pensato che quel «campo largo» Pd-M5S si sarebbe sciolto al sole del caldo anomalo di luglio dell'anno successivo. Mario Draghi via da Palazzo Chigi, elezioni in vista. E il Patto per Napoli siglato nel marzo scorso dal premier oggi dimissionario con il sindaco Gaetano Manfredi? Resiste, perché è stato firmato. Ma ora è chiaramente esposto alle intemperie della crisi di governo e della campagna elettorale. E con esso il delicato equilibrio che regge il rapporto fra Palazzo San Giacomo e Roma.

Parliamoci chiaro: il primo anno di Manfredi alla guida di Napoli non è stato granché. Ma rischia di peggiorare. Napoli sconta problemi storici aggravati dalla pandemia e dalla recessione, dieci anni di immobilismo (quelli di Luigi De Magistris sindaco) e ora una amministrazione che molto puntava sul filo diretto con Roma. Questo telefono è staccato: ora non risponde più nessuno. O meglio: non arriveranno risposte come quelle di un governo in carica e nel pieno dei suoi poteri. «Disbrigo degli affari correnti» significa anche questo: non poter mantenere promesse politiche di maggioranza. E una delle promesse era quella di tirare Napoli fuori dal guado.

Toccherà a Manfredi fare da solo? Il Partito Democratico – primo garante di questo patto, insieme ai Cinque Stelle di Giuseppe Conte (oggi avversari) – che farà? Come sarà in grado di non far affossare la città quando si tratterà della Manovra Finanziaria e dei soldi chiesti da Napoli? Guardate: è un bel problema. Ad oggi Manfredi nicchia e spera che la pausa estiva possa dargli respiro. Ma l'atmosfera politica è più arroventata del clima di piazza Municipio senza alberi né ripari. Gli toccherà capire cosa fare: trovare altre sponde. O rimettersi in toto all'unico leader politico rimasto alla Campania (per ora), ovvero Vincenzo De Luca.

116 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
La Napoli della politica ai funerali di Graziella Pagano, addio con
La Napoli della politica ai funerali di Graziella Pagano, addio con "Bella Ciao"
Mariastella Gelmini (Azione):
Mariastella Gelmini (Azione): "Nessun governo politico potrà aiutare l'Italia, serve ancora Draghi"
227.876 di Chiara Daffini
"Fuori luogo parlare di pericolo fascismo": perché le parole del sindaco di Napoli Manfredi sono sbagliate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni